Bio Bio Bio: La più grande truffa del Bio dopo il vino al metanolo. Operazione Gatto con gli stivali

Bio Bio Bio: La più grande truffa del Bio dopo il vino al metanolo. Operazione Gatto con gli stivali

(Aggiornamento ore 13,00 del 6 dicembre)

Da: ccpb ufficio stampa 
Data: 06 dicembre 2011 12:56:14 GMT+01:00
Oggetto: PIVA – ente certificatore CCPB “le prime vittime del falso bio siamo noi”

Gentili colleghi,
di seguito e in allegato le dichiarazioni di Fabrizio Piva, amministratore dell’ente di certificazione del biologico CCPB Srl, rispetto all’operazione della guardia di finanza “Gatto con gli
Stivali”. In quest’ambito sono stati sequestrate oltre 700mila tonnellate di cereali falsamente biologici.

Per qualsiasi ulteriore informazione, resto a vostra disposizione.

“Siamo noi le prime vittime del falso bio”

Questa mattina la Guardia di Finanza di Verona ha reso noto un maxi sequestro da 700mila tonnellate di cereali falsamente biologici per il valore di 220 milioni di euro. L’operazione è
stata denominata “Gatto con gli Stivali”: un giro di affari che proseguiva da anni garantendo ai truffatori guadagni ingentissimi. Le merci, provenienti anche da paesi esteri dell’Unione Europea,
venivano trasformate agli occhi della legge in prodotti biologici attraverso false fatture che contribuivano ad aggirare il sistema di tracciabilità che caratterizza la filiera del
biologico.
Fabrizio Piva, amministratore delegato dell’ente di certificazione del biologico CCPB dichiara che: “Come CCPB abbiamo in questi ultimi mesi collaborato con gli organi di vigilanza per
smascherare queste truffe che, per sete di facile denaro, rischiano di compromettere il lavoro e l’impegno di aziende serie che hanno fatto del biologico un’eccellenza italiana invidiata in tutto
il mondo”.
A nome dell’ente di certificazione, Piva sottolinea come il vero biologico italiano sia la prima vittima di questo sistema delinquenziale e rischi di mettere a repentaglio l’immagine di un
settore che in tempi di crisi continua a crescere rappresentando un’ancora di salvataggio per l’industria agroalimentare italiana. “Il sistema di controllo e certificazione – conclude Piva – ha
dimostrato anche in questo caso di essere in grado di espellere i soggetti che operano contro la legge”.

Verona, Martedì 6 novembre 2011
Cosa sta succedendo in Italia?

Mentre si cerca di fare di tutto per uscire dalla crisi e far ripartire l’economia, c’è chi trova ogni scorciatoia per far soldi, infangando la reputazione di tutta una categoria e
imbrattando l’immagine del Made in Italy nel mondo.

700.000 tonnellate di merce …200 milioni di Euro…sono un’enormità. Se i dati sono attendibili e veritieri, significa che la quantità di merce sequestrata sarebbe pari a circa
30.000 container!!!

Il problema riguarda solo il reato fiscale, intendendo un giro di fatture false per truffare l’Erario, senza un vero e proprio movimento di merce, oppure si spacciava per BIO -truffando lo
Stato ed anche il consumatore- merce che BIO non era?

Cosa dice Google News alle ore 11,25 di martedì 6 dicembre 2011:
– Settecentomila tonnellate di falsi prodotti biologici sul mercato … (Adnkronos/IGN – ‎18 minuti fa‎)
– Vendita falsi prodotti biologici,7 arresti in operazione Gdf (ANSA.it – ‎21 minuti fa‎)
– SALUTE: MAXI FRODE CON FALSI ALIMENTI BIOLOGICI, 6 IN MANETTE A VERONA (Agenzia di Stampa Asca – ‎39 minuti  fa)
– Frodi, in vendita 700mila tonnellate falsi cibi bio, 6 arresti (Reuters Italia – ‎58 minuti fa‎)
– Verona, frode negli alimenti bio: sequestrate 700mila tonnellate (TM News – ‎1 ora fa‎)
– Prodotti biologici,gdf scopre megatruffa (Corriere della Sera – ‎2 ore fa‎)
– Vendita falsi prodotti bio, Gdf scopre megatruffa (ANSA.it – ‎3 ore fa)‎
– Scoperto un giro di fatture false per oltre 200 milioni di euro. Sei le persone arrestate ROMA Megatruffa nel settore dei prodotti biologici scoperta dalla Guardia di finanza. I militari del
comando di Verona hanno sequestrato oltre 700 mila tonnellate di falsi prodotti biologici…

Cercheremo di vederci chiaro.

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

 

Leggi Anche
Scrivi un commento