Bere caffè riduce il rischio ictus

Bere caffè riduce il rischio ictus

I bevitori di caffè vedono calare la vulnerabilità all’ictus rispetto a chi non consuma tale bevanda.

A sostenerlo, una ricerca dell’University of Cambridge, diretta dalla dottoressa Yangmei Li e presentata al meeting annuale dell’American Stroke Association, in corso a San Antonio (Texas).

La dottoressa ed il suo staff hanno preso in esame 23.000 soggetti, uomini e donne, annotando il quantitativo di caffè consumato giornalmente. Allora, i risultati hanno evidenziato come
chi beveva caffè aveva il 27% in meno di vulnerabilità all’ictus rispetto agli altri. E tale bonus si verificava “A prescindere dal tipo di caffè consumato, dal normale, al
decaffeinato, all’istantaneo” spiega Li.

Precisa inoltre la dottoressa: “L’associazione tra un consumo di caffè medio e il rischio di incorrere in un ictus è stata coerente nelle analisi dei sottogruppi stratificati per
sesso, età, classe sociale, livello di istruzione, abitudine al fumo, consumo di alcool e tè, svolgimento di attività fisica, apporto di vitamina C e presenza di patologie
come il diabete”.

In conclusione però, gli studiosi ammoniscono ad evitare le overdose di caffè: consumarne quantità abnormi, infatti, non fa aumentare l’effetto-scudo.

Fonte: “Coffee Drinking May Lower Stroke Risk”, HealthDay 2010

Matteo Clerici

ATTENZIONE:l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento