Aumentano gli acquirenti ma cala il quantitativo, per l’ortofrutta è crisi

Aumentano gli acquirenti ma cala il quantitativo, per l’ortofrutta è crisi

Cesena – Sono stati più numerosi, nei primi sette mesi del 2009, gli acquirenti ( 3,6%) di frutta e verdura, nella consapevolezza che l’ortofrutta sia un elemento di benessere, ma
è calato (-2,29%) il quantitativo per famiglia di circa cinque Kg (dai 218 del primi 7 mesi 2008 ai 213 dello stesso periodo 2009). Mentre in termini di valore, le famiglie italiane hanno
speso per frutta e verdura fresche oltre 8,2 miliardi di euro ( 3,85%), cui si devono aggiungere 420,4 milioni di euro per i surgelati.

Sono i dati dell’Osservatorio dei Consumi Ortofrutticoli delle Famiglie Italiane, presentati dal presidente di Cesena Fiera Domenico Scarpellini, all’inaugurazione di Macfrut, la maggior rassegna
internazionale del Mediterraneo specializzata in ortofrutticoltura, in cartellone al quartiere fieristico fino a venerdì 9.   

Nel periodo gennaio-aprile 2009, ha precisato Scarpellini, le famiglie italiane hanno consumato frutta e verdura fresche per 4.868.000 tonnellate, pari al 1,07% sul 2008. Però tali aumenti
sono determinati da un incremento delle famiglie acquirenti che raggiungono il 99,9% del totale dei nuclei familiari ( 3,6% sul 2008), e da un aumento del prezzo medio del 2,4%.
  

Il 51% del valore degli acquisti di frutta fresca da parte delle famiglie è avvenuta nella moderna distribuzione (iper, super), così come il 51,4% delle verdure. Mentre la quota dei
discount è salita all’8,% in valore per la verdura (contro il 6,7 del 2008) per la verdura fresca e al 6,3% per la frutta. Cala la percentuale degli ambulanti (frutta in quantità
22,6% contro il 25,3% del 2008), ma resiste il mercatino rionale con una leggera ripresa del fruttivendolo che per la frutta passa al 21,1% in valore contro il 20,5% del 2008.  

Per frutta ed ortaggi surgelati – ha rilevato infine l’Osservatorio – l’acquisto nei primi 7 mesi 2009 da parte delle famiglie italiane è stato di 138.023 tonn., pari ad un incremento del
0,8% sulle 136.974 tonn. del 2008. Stabile, invece, a 420,4 milioni di euro il valore.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento