Salute: Coldiretti, bene Nas, +71% per acquisti cibi etnici in 6 anni

Salute: Coldiretti, bene Nas, +71% per acquisti cibi etnici in 6 anni

I prodotti etnici in vendita nei supermercati hanno avuto il maggior tasso di crescita tra le diverse tipologie di
consumo (cibi pronti, salutistici, di base, ecc.) con un aumento record del 71 per cento dal 2003 al 2009. E’ quanto afferma la Coldiretti nell’esprimere apprezzamento per l’operazione dei
carabinieri Nas di Roma che hanno
sequestrato circa 60 tonnellate di alimenti etnici mal conservati.

Sulla base delle elaborazioni Ref su dati Iri-Infoscan relativi al primo semestre 2009, il “carrello etnico” è stato di gran lunga il più dinamico della distribuzione commerciale ma
la diffusione di questi cibi è in crescita anche nei pubblici esercizi come dimostra il fatto che – riferisce la Coldiretti – dal 2000 ad oggi sono praticamente raddoppiati i ristoranti
etnici passando dalle 2.511 unità agli oltre 4.000 del 2009. La maggioranza degli esercizi
stranieri è gestita da cinesi dove peraltro si sono verificati quasi la metà dei reati di frode e sofisticazione
alimentare commessi da operatori stranieri e accertati in Italia, secondo una analisi della Coldiretti dell’ultima
ordinanza sulle sentenze passate in giudicato pubblicate sulla Gazzetta ufficiale dal Ministero della Salute.

Dall’elenco del Ministero risulta che – sottolinea la Coldiretti – 31 sentenze su 89, pari al 35 per cento, sono state pronunciate contro cittadini stranieri e tra queste, quasi il 50 per cento
riguardano titolari di esercizi di
nazionalità cinese (ben 14).

La crescita esponenziale delle attività ma anche la diffusione dei reati confermano – sostiene la Coldiretti – l’importanza dell’attività di controllo effettuata dalle forze
dell’ordine a tutela dei consumatori anche immigrati che apprezzano questo cibo. Occorre peraltro – conclude la Coldiretti – intervenire in modo strutturale con l’obbligo di indicare la
provenienza del cibo in etichetta per consentire la rintracciabilità della produzione in vendita e favorire acquisti consapevoli da parte dei consumatori.

Leggi Anche
Scrivi un commento