Assolombarda: Rapporto Fili d’erba, fili di ripresa di Centro Einaudi e Ubi Banca

Assolombarda: Rapporto Fili d’erba, fili di ripresa di Centro Einaudi e Ubi Banca

Milano, domenica 24 novembre 2013
E’ vero, la crisi ha toccato non solo l’Italia ma tutti i Paesi del mondo.
Non siamo molto d’accordo nell’uso del verbo passato. La crisi è ancora in atto, non si sa bene quando e come possa finire il suo ciclo.
Non vogliamo rubare il mestiere agli economisti e a coloro che “osservano” l’evoluzione dei mercati ma crediamo che ci si debba interrogare su cosa sia veramente questa crisi e da chi è
stata provocata, da chi viene costantemente alimentata. Secondo il nostro modesto parere, la crisi economica in atto non è altro che l’espressione del profondo mutamento dei valori
dell’Uomo.
Non ci sono più regole, nemmeno nella Mafia, non c’è più la Famiglia (con i suoi pregi e i suoi difetti ma comunque un sentiero ben tracciato), non c’è più la
Politica dove (quella di Peppone e Don Camillo: acerrimi nemici nelle ideologie ma fratelli nei momenti di bisogno). Non ci sono più i ricchi gaudenti e i poveri affamati: oggi siamo tutti
scontenti e non siamo capaci di accontentarci di quello che abbiamo. Cerchiamo tutti scorciatoie facili per arrivare al diploma, alla laurea, alla ricchezza, al potere.
Siamo entrati in Europa convinti di risolvere tutti i problemi ed invece (come sempre) i più deboli stanno pagando i debiti dei più forti.
Anche la Chiesa è in profonda crisi, anzi le Chiese. Siamo, sempre secondo il nostro modesto pensiero, assistendo all’inizio della globalizzazione dei “Credo”; anche lì ormai
è la grande finanza che comanda. Una volta si mandavano i missionari, portatori del verbo ma soprattutto ignari esploratori dei potenti di allora ai quali interessavano di più le
spezie, l’oro…
Internet ha sconvolto quel pensiero. Oggi non servono più le guerre guerreggiate, oggi i mercati per il Dio Denaro si conquistano con i social… Sanno tutto di noi e ci vendono di tutto,
anche quello che non ci serve… Google, FaceBook, Twitter, YouTube… sono le nuove macchine da guerra. Sempre secondo il nostro modestissimo pensiero, ne stanno costruendo una che
riunirà sotto un’unica “etichetta” miliardi di persone convinte di essere “persone libere”… una unica Chiesa con il campanile, il minareto, le icone, la pagoda…

Cosa possiamo fare?
Quello che hanno potuto fare gli Apaches, i Sioux

Inizio messaggio inoltrato:
Oggetto: Centro Einaudi e Ubi Banca – Rapporto Fili d’erba, fili di ripresa – Assolombarda
Data: 24 novembre 2013 15:39:58 CET
 
        ASSOEDILIZIA
                  e  
 ISTITUTO EUROPA ASIA
 
In Assolombarda il XVIII Rapporto del Centro Einaudi e di UBI Banca
 
FILI D’ERBA, FILI DI RIPRESA
 
La crisi ha lasciato cicatrici visibili in tutto il globo: gli Stati Uniti vivono una ripresa debole, che non crea sufficienti posti di lavoro; in Cina e nei paesi emergenti la crescita rallenta;
nel Medio Oriente e sulla sponda sud del
Mediterraneo le primavere si spengono in estati violente; l’Europa appare ripiegata su se stessa.

La cooperazione internazionale – economica, finanziaria, politica – si inceppa.

Il XVIII Rapporto “Fili d’erba, fili di ripresa” del Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi, Assolombarda e UBI Banca propone una lettura interdisciplinare delle trasformazioni in
corso.

Accanto alla cronaca
degli ultimi dodici mesi, osserva il mutamento dei modelli sociali, culturali e di consumo; le trasformazioni dei mercati e delle grandi imprese; le tendenze demografiche; la rivoluzione
energetica, conseguenza del diffondersi del fracking (l’estrazione di combustibili fossili dalle rocce).

Mentre il Novecento sprofonda nel passato, e il pianeta si affaccia a un futuro dai contorni imprevisti, l’Italia pare attardarsi in un’ansa della storia, a rischio, prima ancora che di declino
economico, di ritardo culturale e civile.

I fili d’erba del titolo – i fili di una ripresa possibile – stanno in primo luogo nella capacità di competere sui mercati internazionali dimostrata da una parte delle imprese
italiane.

Non potranno però crescere se il terreno al quale si aggrappano non verrà dissodato, rivoltato, irrigato.

A rischio non sono solo i fili d’erba, sono le radici.

Il Rapporto – curato da Mario Deaglio con i contributi di Giovanni B. Andornino, Giorgio Arfaras, Anna Caffarena, Giuseppina De Santis, Anna Lo Prete, Paolo Migliavacca, Anna Paola Quaglia e
Giuseppe Russo e pubblicato da Guerini e Associati – viene presentato in Auditorium Assolombarda di Milano da Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda; Franco Polotti, presidente del
Consiglio di gestione Ubi Banca; Salvatore Carrubba, presidente del Centro Einaudi; Mario Deaglio, curatore del Rapporto; Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica; Victor Massiah,
consigliere delegato Ubi Banca.

 Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento