Assoedilizia su seconde case: Basta vessazioni!

Assoedilizia su seconde case: Basta vessazioni!

Colombo ClericiSeconde case: Basta vessazioni – Il Giorno QN, Il Resto del Carlino, La Nazione – Achille Colombo Clerici pres. Assoedilizia 19 settembre 2015 –

19 settembre 2015
“Seconde case”: Basta vessazioni – Il Giorno QN, Il Resto del Carlino, La Nazione – Achille Colombo Clerici pres. Assoedilizia 19 settembre 2015 –

« La politica delle esenzioni fiscali (abolizione di IMU e TASI) per la prima casa non incide direttamente sull’andamento del settore immobiliare; in altri termini, se non e’  accompagnata da un parallelo e contestuale alleggerimento del carico fiscale sulle locazioni e sulle compravendite,  non innesca un processo virtuoso per il sostegno del mercato.

Riguarda infatti immobili che non “fanno mercato” essendo sostanzialmente indisponibili. Il mercato e’ determinato viceversa proprio dalle transazioni economiche aventi ad oggetto immobili disponibili per la compravendita e per la locazione: le cosiddette “seconde case” che sono destinate all’affitto e la nuova produzione edilizia rimangono escluse dalle esenzioni.

Quelle esenzioni, da un lato creano problemi ai Comuni, che tenderanno a scaricare l’onere, per la compensazione del minor gettito, sulle spalle delle seconde case e degli immobili commerciali. Come d’altronde e’ gia’ puntualmente avvenuto, nonostante le assicurazioni preventive che questo effetto non si sarebbe verificato in virtu’ di un parallelo aumento dei trasferimenti, gia’ nelle due occasioni precedenti, con le esenzioni dall’ICI e dall’IMU.

Ma il Premier Renzi ha assicurato che a fronte di quelle esenzioni ci sara’ “un assegno” per i Comuni di 3,6 miliardi. La tassa sulla casa, ha aggiunto, e’ diventata una “tassa psicologica”, metafora di un fisco vessatorio ed è quindi una priorità “politica” abolirla.

Siamo d’accordo: la tassa sulla casa, non solo quella sulla prima casa.

D’altro lato le esenzioni, come concepite dal Governo, rappresentano un trascurabile bonus fiscale, che non indurrà certo ad un aumento dei consumi, se non per i contribuenti dai redditi inferiori.

L’effetto finale per il Paese sara’ una continua tendenza ad acquistare case come abitazioni in proprieta’, per evitare una tassazione che diversamente risulterebbe abnorme e crescente. Condannando l’Italia ad essere sempre piu’ un Paese di prime case, con conseguente sclerosi del mercato immobiliare e della mobilita’ dell’abitazione. »

 

Articolo pubblicato su Newsfood.com
su autorizzazione dell’autore

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento