Stefano Goracci – Arte, moda, cibo: triade sfavillante alla Galleria Spazio Tadini

Stefano Goracci – Arte, moda, cibo: triade sfavillante alla Galleria Spazio Tadini

Arte e moda sono sicuramente due grandi attrattori di attenzione.
Se si aggiunge il cibo, diventa una triade da fare faville. Così la mostra a tema “Impronte tracce segni – Nuovi Linguaggi” che dal 2 al 15 febbraio si potrà visitare presso la
“Galleria Spazio Tadini” di Milano
(Via Niccolò Jommelli 24,  tel. 02-26829749,
e-mail: ms@spaziotadini.it – Sito: www.spaziotadini.com )

diventa una grande sfida che punta a promuovere le cinque A dell’eccellenza italiana.

Stefano GoracciE per iniziativa dell’associazione La Tavola Italiana, che inserendosi all’interno di questa mostra, certamente intraprende un suggestivo viaggio attraverso le emozioni, i sapori, i colori, i linguaggi, le tradizioni culturali e artistiche di cui è ricca l’Italia, valorizzando l’arte e offrendo specialità enogastronomiche provenienti da tutta la Penisola.

Dice il presidente de “La Tavola Italiana”, Stefano Goracci  “ la A di Arte è importante tanto quanto le altre quattro (Agricoltura, Alimentazione, Ambiente, Artigianato) alla base delle sue attività e del suo disciplinare ma, con la promozione di questa A in particolare, l’associazione intende valorizzare le qualità organolettiche dei prodotti e le realizzazioni tecniche impeccabili, ricercando e riconoscendo le aziende italiane che curano con attenzione l’aspetto estetico dei loro prodotti così come quello dei luoghi di produzione”.
E, prosegue: “Consapevole del forte legame, presente da secoli in Italia, tra arte e cibo, “La Tavola Italiana”,  con i suoi prodotti d’eccellenza contribuisce a promuovere le opere d’arte esposte in questa prestigiosa mostra collettiva”, oltretutto allestita in un luogo come lo “Spazio Tadini” che ha ospitato artisti provenienti sia dall’Italia che dall’estero, numerose mostre e presentazioni di pittori, scultori e fotografi.
La mostra è curata da Silvia Ceffa e Michelle Kling Hannover, che hanno selezionato i lavori di Fabrizio Bellafante, Beatrice Morabito, Yoshie Nishikawa, Massimo Quarta, Francesca Pivato, Armando Melocchi, Giulia Bacchetta, Antonio Borandi, Barbara Callio, Marita Cavaliere, Lucia Contassa Mecarelli, Salvatore Cosi, Paolo Drovandi, Agostino  Faravelli, Antonella errara Antonella, Bruno Greco, Massimo Magistrini, Catia Massa, Paolo Mezzadri, Gianluigi Micheletti, Vittoria Palazzolo, Luce Maria Porta Fusero, Nicola Virgilio, Larry Woodmann, Donatella Sommariva, Alessandra Renzi, Antonella Maria Trapasso.
Questi artisti, attraverso i propri lavori, lasciano un segno identificativo della propria ricerca artistica; poi, utilizzando svariate tecniche e materiali, trasmettono messaggi ed emozioni; così come, presentando se stessi, indagano sul concetto dei nuovi linguaggi espressivi.
L’inaugurazione della mostra è in programma il 2 febbraio, alle ore 18.30, e in questa occasione saranno presenti anche brand di moda che esprimono, attraverso le loro creazioni, tracce e segni dell’ispirazione, originalità ed esclusività, dando origine così ad un interessante rapporto creativo-produttivo.

Durante l’inaugurazione, per esempio, l’artista Luca La Marca interverrà con una performance originale: creerà un’opera dall’acceso contrasto cromatico che si fonde con i collage e l’uso delle parole, per dare vita a nuove interpretazioni. Mentre Fania Di Girolamo, giovane fashion designer, ha preparato una sfilata di moda che evidenzierà le qualità che la contraddistinguono: la ricerca costante del particolare e del dettaglio. Ispirandosi ad un’antica tecnica giapponese di riparazione di crepe e rotture con oro, la sua collezione mira a comunicare spiritualità e modernità. Il messaggio finale è che c’è una crepa in ogni cosa ed è proprio da lì che entra la luce. Per rendere ancora più interessante la serata di inaugurazione della mostra, Marzia Borroni presenterà il suo libro “Il Regalo Perfetto” che suggerisce come non sbagliare mai un regalo e, quindi, un libro pieno di suggerimenti che potrà anche diventare un pratico taccuino da tenere a portata di mano per non scordarsi mai una data e trovare velocemente il regalo perfetto.
Insomma, si presenta come un evento emozionante da non perdere, in cui arte, cibo e moda, come sistema comunicativo e strumento di espressione, si integrano e si completano alla perfezione. Con la classica ciliegina sulla torta rappresentata dalla degustazione di specialità enogastronomiche selezionate in tutta Italia da “La Tavola Italiana”, associazione senza fine di lucro creata “per sostenere iniziative nel settore della cultura, del turismo, dell’arte, della gastronomia e dell’artigianato realizzando attività di promozione, divulgazione, studio e ricerca volte alla valorizzazione e alla diffusione delle pratiche agricole, culinarie, artigianali, alimentari, culturali italiane, in Italia e nel mondo a partire da Milano”, sottolinea il presidente Goracci.

Maria Michele Pizzillo
Newsfood.com
Contatti

Leggi Anche
Scrivi un commento