Antitrust, condannate 5 società di vendita porta a porta

 

Firenze – L’Antitrust ha sanzionato cinque societa’ venete (quattro padovane e una di Treviso) per pratica commerciale scorretta. Si tratta di aziende di vendita porta a porta
che riescono a far sottoscrivere contratti per cifre dai 2 ai 5 mila euro, grazie all’escamotage di un presunto regalo: una tessera sconto per acquisti facoltativi presso centri
commerciali di futura apertura. Tutte le societa’ sono state sanzionate con una multa di 170 mila euro, per un totale di 850 mila euro.

E’ da anni che va avanti la messinscena -attuata da venditori particolarmente ‘bravi’ e all’occorrenza anche aggressivi- che riesce a convincere a firmare contratti tanti consumatori
del Centro-Nord Italia: Veneto, Friuli VG, Trentino AA, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche. Le nostre prime denunce risalgono a quattro anni fa;
nell’agosto scorso, partendo da un caso concreto avvenuto in provincia di Firenze, abbiamo coinvolto la Procura fiorentina, attendiamo gli esiti dell’esposto-denuncia .

I provvedimenti dell’Antitrust sono pubblicati sul bollettino dell’Autorita’, di seguito le societa’ coinvolte e gli estremi dei provvedimenti:
– Provvedimento n. 19256 – ODALISCA CARD-ACQUISTI OBBLIGATI Azienda. Blu Dream S.r.l. (già Odalisca S.r.l.), con sede in Selvazzano Dentro (Pd), via Santa Chiara, 10
– Provvedimento n. 19259 215 – TUTTO CASA Azienda. Sig. Zonta Omar, titolare dell’impresa individuale Domus Reginae (marchio Tutto Casa) di Zonta Omar, con sede in Capriccio di
Vigonza (PD), via Venezia, 147
– Provvedimento n. 19261 224 – “ITALIA DENTRO CASA” BY EUROKONTAT Azienda. Eurokontat S.r.l. (marchio Italia Dentro Casa), con sede in Padova, via del Cristo, 326
– Provvedimento n. 19265 234 – HORO-TESSERA SCONTO Azienda. Horo S.r.l., con sede in Viale XV Luglio 1886, Treviso
– Provvedimento n. 19266 – CASA MODERNA-FIDELITY CARD Azienda. AB S.r.l. (già Mb2c S.r.l.) con sede in Albignasego (PD), via Caravaggio, 11

Come difendersi. Non e’ raro che una visita sul nostro sito Internet metta in guardia chi aveva inizialmente firmato un contratto senza far troppo caso al contenuto. I modi per uscirne
quasi indenni ci sono. Infatti, il decreto legislativo 206/2005 permette il diritto di recesso (art.64), senza penale entro 10 giorni, che decorrono dal momento della prima firma,
oppure dal momento della consegna della merce per i contratti sottoscritti presso il domicilio del consumatore.

Leggi Anche
Scrivi un commento