«Anche il sole fa la sua rivoluzione»

«Anche il sole fa la sua rivoluzione»

Giovedì 2 aprile 2009 nell’Aula Magna del Politecnico di Torino si terrà un convegno internazionale sull’energia solare «ANCHE IL SOLE FA LA SUA RIVOLUZIONE» promosso da
Eni e Legambiente con la collaborazione dell’Ateneo torinese.

A parlare agli studenti sono stati chiamati nomi illustri della comunità scientifica internazionale tra i quali i professori James Barber Professore di biochimica dell’Imperial College di
Londra, esperto di fotosistemi, Stefan Glunz Capo del Dipartimento Silicon Solar Cells del Fraunhofer Institut fur Energiesysteme di Friburgo, Martin Green Executive Research Director ARC
Photovoltaics Centre of Excellence, University of New South Wales Sidney e Mauro Vignolini Responsabile del progetto Solare Termodinamico a Concentrazione di ENEA.

Il convegno, organizzato dall’agenzia Minimega, rappresenta la prima tappa del progetto EnergyThink (www.energythink.it) «Il Futuro del Pianeta, gli scenari dell’Energia» di Eni e
Legambiente che, nel rispetto reciproco delle proprie identità e ruoli, intendono porre le basi per un confronto propositivo sul terreno delle energie rinnovabili. L’obiettivo comune
è, da una parte, stimolare una discussione scientifica di alto respiro e far emergere le nuove opportunità anche occupazionali che questa nuova frontiera rappresenta, e, dall’altra,
promuovere presso l’opinione pubblica la grande valenza del risparmio energetico.

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

09.15 – 10.00
Accoglimento partecipanti Welcome Coffee

10.00 – 10.15
Saluto di benvenuto da parte di Enrico Macii, Vice Rettore Rapporti con la Comunità Europea

10.15 – 10.45
Introduzione di Rossella Muroni (Dir. Gen. Legambiente) e Sabina Ratti (Resp. Sostenibilità Eni)

10.45 – 11.15
Martin Green – University of New South Wales, Sydney, Australia
«Solar photovoltaics: What does the future hold?»

11.15 – 11.45
James Barber – Imperial College London UK e Visiting Professor Politecnico di Torino
«Can We Build an Artificial Leaf to Efficiently Capture and Use Solar Energy?»

11.45 – 12.15
Stefan Glunz – Fraunhofer- ISE , Freiburg, Germany
«Silicon Solar Cells – State of the art and new concepts»

12.15 – 12.45
Mauro Vignolini – ENEA Casaccia, Roma
«La ricerca sul solare termodinamico in ENEA, il progetto Archimede e il coinvolgimento dell’industria italiana»

12.45 – 13.15
Question time

13.15 – 13.30
Chiusura della mattinata a cura di Francesca Ferrazza (Resp.Coordinamento Progetti di Ricerca Eni)

13.30 – 15.15
Pranzo
Possibilità di visitare la Cittadella politecnica e il Politecnico

15.30 – 17.45
Tavola Rotonda moderata dalla giornalista Silvia Rosa-Brusin (RAI), con la partecipazione di:

Gianni Silvestrini
(D.S. Kyoto Club)

Edoardo Zanchini
(Resp. Energia Legambiente)

Salvatore Meli
(Resp. Tecnologie Eni)

Maurizio Cuppone
(GSE-Gestore Servizi Elettrici)

Filippo Baretti
(Regione Piemonte)

La tavola rotonda vedrà la partecipazione della platea (invitati, corpo docente, studenti)

17.45 – 18.00
Chiusura del Convegno da parte di Enrico Macii, Vice Rettore Rapporti con la Comunità Europea

Dichiarazione congiunta Eni e Legambiente:

«Eni e Legambiente lanciano il progetto: Il futuro del Pianeta, gli scenari dell’energia e si incontrano per la prima volta per discutere i grandi temi legati all’energia.

Le sfide energetiche di oggi e ancor più di domani sono formidabili e vanno dalla riduzione degli impatti sul clima all’inquinamento atmosferico, dalla sicurezza degli approvvigionamenti
fino alla necessità di stabilire nuove relazione a livello mondiale.

La prima impresa energetica italiana e una delle maggiori associazioni ambientaliste condividono la convinzione che la ricerca sia un elemento essenziale per lo sviluppo del sistema energetico
globale futuro basato su fonti pulite, economiche, non esauribili.

La ricerca richiede risorse e impegno, non solo dal punto di vista delle risorse finanziarie, ma delle persone: da qui deriva l’idea del progetto, che vuole portare agli studenti – i potenziali
ricercatori e professionisti energetici di domani – le testimonianze di chi si occupa di ricerca oggi, indicando le strade possibili, i temi più impegnativi, le sfide da affrontare e
risolvere, con l’obiettivo di incoraggiare l’ingresso nel campo della ricerca.

Inoltre, Eni e Legambiente hanno scelto l’università italiana come spazio ideale per sviluppare questo progetto perché questa rappresenta al contempo luogo della formazione di
eccellenza per i ricercatori di domani, opportunità di divulgazione scientifica indipendente e ricerca.

Il punto di partenza del progetto è l’energia solare, una fonte pulita, gratuita e inesauribile, il cui sfruttamento futuro su grande scala, che Eni e Legambiente auspicano,
dipenderà in maniera cruciale dalla quantità e dalla qualità delle ricerca e dello sforzo tecnologico. Già oggi il settore solare nel suo complesso registra una forte
crescita, frutto anche di grandi sforzi di ricerca tecnologica, ma in termini assoluti i numeri sono ancora piccoli, e sono necessari sistemi di incentivi per compensare i costi elevati.

La rivoluzione del solare non avverrà per caso, ma sarà il risultato di un grande sforzo – globale – di ricerca e sviluppo tecnologico, che necessita delle menti migliori. Gli
atenei italiani possono fare la loro parte».

Leggi Anche
Scrivi un commento