Alessandria: le Province del Nord Ovest a Palazzo Ghilini

Alessandria – «Nell’ambito della querelle che si protrae ormai da anni sull’utilità, o meglio presunta inutilità, delle Province come enti intermedi, questo progetto
costituisce un importante tassello a testimonianza dell’accresciuta attività, in termini di funzioni trasferite e maggiori competenze, delle amministrazioni provinciali».

Con queste parole il presidente della Provincia, Paolo Filippi, ha aperto l’incontro tra le Province del Nord Ovest sul censimento degli archivi amministrativi, che si è svolto nella
sala del Consiglio provinciale di Alessandria.

Avviata nel marzo del 2007 con la costituzione del gruppo di lavoro – UPI (Unione Province Italiane)/CUSPI (Coordinamento degli Uffici di Statistica delle Province Italiane) di Asti, Genova,
Reggio Calabria, Rimini e Rovigo e ISTAT – l’iniziativa mira a valorizzare il potenziale statistico della vasta attività di rilevazione condotta dalle amministrazioni in ambito
istituzionale. Il progetto prevede, infatti, l’utilizzo dei risultati del censimento di ogni Provincia per arrivare alla costituzione di una base dati nazionale, allo scopo di valutare la
fruibilità degli stessi archivi, individuandone alcuni che possano fungere da modello nell’ambito del sistema statistico nazionale.

L’obiettivo che si intende raggiungere è l’attivazione di una rappresentanza per Regione attraverso la costituzione di nuclei regionali del CUSPI, con una Provincia che svolga il ruolo
di coordinatrice, curando la predisposizione di «pacchetti operativi» per le consorelle regionali. Ad ogni Provincia sarà lasciata la massima libertà sui giacimenti
informativi interni da censire, con un occhio di riguardo, però, per due campi che riscuotono una maggiore attenzione da parte della pubblica opinione: ambiente e lavoro. «Il
processo di riorganizzazione dell’ente che abbiamo avviato nel 2004 – ha precisato il presidente Filippi – è un motivo in più per aderire a questo progetto comune di vasto
respiro, che ci consentirà di migliorare l’operatività dell’organizzazione amministrativa, supportando i compiti gestionali e di programmazione del territorio con procedure rapide
e uniformi per tutti».
Finora hanno aderito al progetto 30 Province su 107 (il 28%) e, in particolare, 12 Province su 46 nel Nord Italia (il 17% nel Nord Ovest). Il 29 febbraio 2008 è la data individuata come
termine ultimo di adesione, mentre per una prima verifica dei risultati ottenuti da questa prima analisi sperimentale occorrerà aspettare la primavera, posticipando all’autunno l’analisi
delle banche dati e l’individuazione degli archivi idonei all’utilizzo dei dati a fini statistici.

Leggi Anche
Scrivi un commento