Al via la 4^ edizione di Alpe Adria Cooking

Udine – Si è aperto oggi alla presenza dell’Assessore Regionale alle Attività Produttive Enrico Bertossi, il sipario della 4^ edizione di Alpe Adria Cooking –
Festival di Alta Cucina, per una tre giorni all’insegna delle grandi stelle del firmamento della Cucina nazionale ed internazionale.

24 gli chef provenienti da 6 paesi riuniti in Fiera per presentare le filosofie, le strategie e le innovazioni applicate all’alta cucina in un vero e proprio workshop rivolto ai cuochi
professionisti, ma anche ai più ambiziosi gourmet e agli appassionati che non vogliono lasciarsi sfuggire la straordinaria opportunità di vedere dal vivo grandi chef in azione. Un
evento seguito con entusiasmo non solo dai numerosi appassionati ed addetti ai lavori, ma che ha raccolto sin dall’apertura di oggi (lunedì 10) concreto riscontro anche da parte dei
media, con oltre 50 testate internazionali, nazionali e regionali accreditate per raccontare le performance in programma. Oltre 250 gli accrediti della prima giornata alle lezioni di cucina
degli chef.

Un caleidoscopio dell’innovazione e dell’eccellenza, che di anno in anno diventa più ricco e ricercato, prima di tutto una vetrina della qualità. Questo quanto è emerso
dall’intervento dell’Assessore Enrico Bertossi, in Fiera per la cerimonia di apertura del Festival di Alta Cucina insieme a Sergio Zanirato, Presidente di Udine e Gorizia Fiere. Alpe Adria
Cooking ha saputo mettere in risalto come la cucina delle nostre terre sia proiettata sempre di più in ambito internazionale per la qualità dei suoi piatti sapientemente legati al
territorio, ma al contempo attenti all’innovazione e alla «contaminazione» positiva nei sapori. Il Festival, realizzato con la collaborazione dell’Associazione «Jeunes
Restaurateurs d’Europe» e di Turismo FVG, in partnership con Friuladria Crédit Agricole e con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo del Comune di Udine, rappresenta un
appuntamento di primo piano nel calendario fieristico della Società, che fa della sua filiera espositiva «dalla Terra alla Tavola» dedicata agli eventi dell’enogatronomia,
momento di confronto e di crescita in uno dei settori di primo piano della nostra Regione ed attraverso il Festival parla al mondo dell’alta cucina attraverso i suoi rappresentanti più
illustri. Con queste parole, Sergio Zanirato ha voluto ricordare come l’evento si inserisca in una progettualità più ampia, attenta ai settori propulsivi dell’economia Regionale.
Un appuntamento che quest’anno è portavoce anche delle grandi chef in rosa, mai così numerose, a testimonianza di come l’alta cucina contemporanea non sia solo appannaggio
maschile bensì si coniughi sempre di più con le grandi capacità femminili, come sottolineato da Enzo Vizzari, Direttore delle Guide dell’Espresso, voce immancabile del
Festival, intervenuto a conclusione dei saluti d’apertura per presentare le performance degli chef.
E dopo l’esordio con i protagonisti al maschile e al femminile (è stato infatti uno chef friulano trapiantato a Milano, Andrea Berton del Ristorante Trussardi Alla Scala a dare il via al
workshop), domani un’ altra intensa giornata con 9 chef protagonisti, tra cui spicca il nome di Bruna Santini, cuoca 3 stelle, protagonista in cucina fin dagli anni 50 che presenterà in
Fiera la sua personale ricetta dei «tortelli di zucca».

Ad aprire la mattinata di domani (martedì 11) sarà Jordi Roca (El Cellerde Can Roca) dalla Spagna, lo «chef dei profumi» che attraverso una cucina definita
«tecnico concettuale» impegna il suo ingegno «costruendo» i sapori partendo da un’analisi attenta degli odori, seguirà Ilario Vinciguerra, (Antica Trattoria Monte
Costone). Seguiranno le performance Carles Abellàn (Commerc 24) dalla Spagna, di Sonja Peric (Valsabbion), dalla Croazia e Jordi Puigvert (Sosa) dalla Spagna. Nel pomeriggio
aprirà le performance Nadia Moroni, (Il Luogo di Aimo e Nadia) dall’Italia, seguita da Marcelo Tejedor (Casa Marcelo) con la su «cocina de mercado» che porta in tavola i
prodotti freschi e i sapori della Spagna. Piero D’Agostino, (Capinera), chiuderà la seconda giornata insieme a Bruna Santini (Dal Pescatore).

Orario: martedì e mercoledì dalle 9.30 alle 18.00.
Programma, orari dei seminari e iscrizioni sul sito: www.alpeadriacooking.it
Anche durante le giornate del Festival sarà possibile iscriversi ai corsi e alle sessioni dimostrative degli chef.

Leggi Anche
Scrivi un commento