Al via Golosaria, la rassegna di cultura e gusto di Papillon

 

Prenderà il via sabato 8 novembre la terza edizione di Golosaria, la rassegna di cultura e gusto del Club di Papillon.
L’appuntamento con l’Italia golosa è fissato per le ore 14.30 all’Hotel e Convention Center Melià di Milano (via Masaccio, 19) dove per tre giorni si riuniranno i migliori
artigiani del gusto dello Stivale selezionati dal best seller Il Golosario 2009 di Paolo Massobrio.

Paste, cioccolati, salumi, formaggi, marmellate, sfiziosità di ogni tipo saranno i protagonisti di questa kermesse in cui accanto alle eccellenze enogastronomiche nazionali
faranno bella mostra di sé anche i migliori prodotti della gastronomia lombarda.

Ma Golosaria è anche un luogo d’incontro, una fucina di idee, un’occasione di riflessione e di dialogo. In questo contesto si inserisce il talk show che animerà il
pomeriggio della giornata di apertura della manifestazione: « Adesso, dalla spesa alla tavola: il gusto nel carrello nell’era del low cost». L’incontro, che inizierà
alle ore 16.00 e vedrà la partecipazione di Anna Bartolini, Guido Clericetti, Alessandro Meluzzi e Paolo Massobrio nasce dal successo del libro Adesso, 365 giorni da vivere con
gusto (Comunica Edizioni, euro 23.50) uscito per la prima volta lo scorso anno e salutato a Golosaria con una relazione di Francesco Alberoni sul significato del posto a tavola.
L’edizione 2009 – che l’Assessorato alla Famiglia del Comune di Milano ha adottato come proprio manuale – sarà lo spunto per affrontare le tematiche di una corretta e sana
alimentazione anche in un periodo di crisi economica nell’ambito di questo talk show durante il quale saranno messi in mostra i quadri di Maria Teresa Carbonato che allestiscono il
libro e dalle 12 vignette originali che Guido Clericetti ha ideato per il volume firmato da Paolo Massobrio.

Il pomeriggio del gusto milanese proseguirà alle ore 17.00 con una lezione popolare di cucina «La Denominazione Comunale dei piatti milanesi: il Risotto al Salto e i
Mondeghili della Trattoria Masuelli San Marco».

«Milano – dichiarano Paolo Massobrio e Marco Gatti – è una città speciale, perché i suoi piatti da quest’anno hanno la De.Co. (denominazione comunale). Era il
sogno di Veronelli e fu la nostra provocazione lanciata a Golosaria nel 2006. Da allora a oggi – proseguono di due autori della GuidaCriticaGolosa alla Lombardia – sono stati deliberati
dal Comune di Milano 10 piatti a denominazione comunale e alcuni di questi saranno cucinati in tre preziose lezioni dai migliori chef con la corona radiosa della GuidaCriticaGolosa alla
Lombardia».

L’appuntamento delle ore 19.00 sarà invece con «Parliamo di MiTo: l’Angelo dello shaker, viaggio tra i caffè storici d’Italia allestiti a Golosaria». Un
momento per conoscere le realtà storiche del nostro paese, ma anche per parlare di Angelo Zola, l’Angelo dello shaker, l’indimenticabile barman del Principi e Savoia di Milano,
che nel primo dopoguerra fondò l’Aibes e poi l’Iba, ossia l’associazione dei barman di tutto il mondo. A lui Papillon ha dedicato un libro scritto da Fabio Molinari e Raffaella
Quartero che verrà presentato a Golosaria alla presenza di John, il nipote di Ernest Hemingway.

Chiuderà la giornata alle ore 21.00 il talk show «Quello stile di vita milanese un po’ così», un incontro dedicato a Milano e al suo fascino che sulle note del
grande maestro Vince Tempera vedrà alternarsi sul palco di Golosaria scrittori, stilisti, cantanti e ballerini: da Nadia Scherani a Santo Versace, da Luca Doninelli a Luigi
Varisco e al Mago Fuagrà.

Per tutta la durata della rassegna, che sabato 8 novembre seguirà l’orario 14.30 -22.30, sono a disposizione dei banchi di assaggio nell’area lounge con i piatti della tradizione
lombarda in abbinamento ai 100 migliori vini d’Italia presso l’Enoteca di Papillon, di Fabio Scarpitti.

Per accedere a Golosaria occorre l’invito scaricabile online su www.clubpapillon.it

 

Leggi Anche
Scrivi un commento