Accordo per sviluppare vaccino dell'ISS contro la candida

L’Istituto superiore di Sanità ha siglato un accordo di collaborazione con la Pevion Biotech Ltd per la produzione e lo sviluppo clinico di un vaccino contro la vaginite da Candida,
questo vaccino si basa sulla combinazione di una proteina ricombinante (SAP2) scoperta e generata dal Dipartimento Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità combinata con un
sistema di rilascio e di adiuvanza ( PeviPRO ) messa a punto dalla svizzera Pevion Biotech.

Il vaccino è stato sviluppato in Istituto per trattare e prevenire le infezioni vaginali da candida sia acute che croniche.
La Pevion ha pianificato l’esecuzione di un trial clinico di Fase 1 per testare la sicurezza e l’immunogenicità del vaccino.

«Questa collaborazione con la Pevion Biotech – ha dichiarato Enrico Garaci, presidente dell’ISS – dimostra la fattibilità e l’utilità della collaborazione tra pubblico e
privato per lo sviluppo di prodotti generati da siti scientifici di eccellenza. L’utilità di questo prodotto vaccinale è ben dimostrato dalla riduzione dei costi sostenuti da
parte del Servizio Sanitario Nazionale e direttamente dalle donne per l’acquisto di farmaci contro la vaginite che ammontano a più di 200 milioni di euro all’anno. Questo vaccino
potrebbe tagliare i costi di almeno la metà se dimostrato efficace»

La proteina SAP2 gioca un ruolo cruciale nella vaginite da candida albicans «Abbiamo iniziato le nostre indagini su questa proteina circa vent’anni fa quando abbiamo scoperto che essa
è presente nella secrezione vaginale di tutte le donne infette da Candida e assente nelle donne sane – ha spiegato Antonio Cassone, Direttore del Dipartimento Malattie infettive
dell’Istituto Superiore di Sanità -. Successivamente dimostrammo che anticorpi contro la SAP2 erano protettivi in un modello di vaginite da Candida nelle ratte. Sulla base di questi dati
ci siamo convinti che la SAP2 potesse essere un buon vaccino».

Cos’è la vaginite da Candida Le infezioni da Candida sono emerse negli ultimi decenni come un rilevante problema medico. Questi organismi di solito fanno parte della flora microbica
normale dell’intestino e della cute ma causano malattia quando questa flora normale è alterata e quando sono compromesse le difese immunitarie. La vaginite da Candida è una delle
infezioni più comuni che affligge almeno una volta dal 50 al 75% di tutte le donne e in una larga proporzione di esse (dal 4 all’8%), diventa addirittura cronica e difficilmente
trattabile con i comuni antimicotici.

L’Istituto Superiore di Sanità, principale organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale, è un ente pubblico che coniuga l’attività di ricerca a quella di
consulenza, formazione e controllo applicate alla tutela della salute pubblica. E’ formato da sette Dipartimenti e tre Centri nazionali. L’Istituto svolge direttamente attività di
ricerca scientifica e promuove lo svolgimento di sperimentazioni cliniche e sviluppi tecnologici d’avanguardia. Svolge, inoltre, controlli nell’ambito dei compiti istituzionali e a fronte di
specifiche richieste del Ministro della Salute o delle Regioni che riguardano farmaci, vaccini, dispositivi medici, prodotti destinati all’alimentazione e presidi chimici e diagnostici. Il
Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate ha la missione di proteggere la popolazione dalle infezioni di qualsiasi natura. Sviluppa metodologie avanzate per la diagnosi
di qualunque agente infettivo che emerga nel nostro territorio, studia vaccini e nuove sostanze terapeutiche contro malattie infettive e allergie e malattie autoimmuni.

La Pevion Biotech è una compagnia biofarmaceutica svizzera privata che produce vaccini preventivi e terapeutici contro malattie infettive e tumori. Per questi scopi la compagnia ha messo
a punto una tecnologia virosomiale innovativa applicata in vaccini già commercializzati. La combinazione di questa tecnologia virosomiale con nuovi antigeni permette lo sviluppo di
vaccino contro malattie per le quali non ci sono adeguati trattamenti farmacologici. Fra i vaccini profilattici e terapeutici considerati dalla Pevion ci sono quelli contro i tumori della
mammella, la candidiasi, la malattia da virus respiratorio sinciziale, la malaria e l’epatite C. Tre vaccini basati sulla tecnologia virosomiale sono sotto sviluppo clinico.

Leggi Anche
Scrivi un commento