Abruzzo engineering, Del Turco: «regione che guarda al futuro»

Pescara – «L’Abruzzo che vi presentiamo oggi è l’Abruzzo in grado di fornire servizi, viaggiare sulla banda larga e puntare dritto allo sviluppo economico del
territorio» così il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco è intervenuto oggi alla presentazione del nuovo piano industriale di Abruzzo Engineering alle
autorità regionali e provinciali, alla presenza degli altri rappresentanti degli azionisti aziendali: il presidente di Finmeccanica, Pierfrancesco Guarguaglini e il presidente della
Provincia dell’Aquila, Stefania Pezzopane.

Era presente anche Sabatino Stornelli, amministratore delegato di Selex Se-ma, la società di Finmeccanica che si occupa del progetto per lo sviluppo tecnologico della regione.

Entro l’anno, la fine dei lavori per la banda larga. Sarà, quindi, ultimato l’anello telematico che, congiungendo sei aree urbane abruzzesi, consentirà il trasporto della banda
larga anche verso i comuni dell’entroterra abruzzese. A darne l’annuncio è stato il presidente e amministratore delegato di Abruzzo Engineering, Lamberto Quarta nell’illustrare il nuovo
piano industriale. I primi mesi del 2008 saranno determinanti per la messa a regime del sistema.

Si stanno individuando, intanto, i cosiddetti POP (Point of Presents): strutture cardine dell’anello da cui partirà il segnale (sistema wireless) verso le zone montane. I POP saranno
localizzati all’Aquila, Pescara, Teramo, Chieti, Sulmona e Avezzano. «E’ un risultato straordinario – ha aggiunto Del Turco – anche impensabile un anno fa. Un pezzo di storia dell’Abruzzo
che guarda al futuro mentre, dall’altra parte sopravvivono gli echi e le contraddizioni del passato.

Per fortuna noi siamo dalla parte giusta. Stiamo investendo sullo sviluppo armonico di questa regione e attraverso soluzioni altamente innovative intendiamo aumentarne la
competitività». Concluso l’anello, infatti, Abruzzo Engineering sarà in grado di offrire servizi che, viaggiando sulla banda larga, renderanno più agevole il rapporto
tra Pubblica amministrazione, cittadino e imprese.

Si viaggia su due binari correlati tra loro; l’uno, l’adeguamento delle infrastrutture tecnologiche e l’altro, lo sviluppo di servizi innovativi per la Pubblica amministrazione.

L’obiettivo, in linea con i dettami del Programma operativo regionale 2007/2013, è quello di incrementare la qualità della vita, la sicurezza e garantire lo sviluppo coeso e
omogeneo del territorio regionale.

«Contiamo di raggiungere risultati tali &ndash ha detto Quarta &ndash da contribuire concretamente alla valorizzazione del territorio, al miglioramento della qualità della
vita e all’aumento della competitività della regione Abruzzo.

Oggi abbiamo voluto illustrare il nuovo piano industriale alle principali istituzioni territoriali che verranno supportate e diventeranno protagoniste dello sviluppo regionale».

Leggi Anche
Scrivi un commento