A tavola i single spendono il 64% in più

A tavola i single spendono il 64% in più

I single spendono per gli acquisti alimentari quasi il doppio rispetto alla media delle famiglie italiane. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai
consumi delle famiglie nel 2008. La spesa media per alimentari e bevande di un single è di 312 euro al mese, superiore del 64 per cento rispetto – sottolinea la Coldiretti – ai 190 euro al
mese destinati alla tavola di ogni singolo componente di una famiglia tipo italiana formata da in media da 2,5 persone.

Secondo l’Istat le famiglie italiane con un singolo componente sono circa 6 milioni, oltre un quarto del totale, e negli ultimi anni tendono ad aumentare con tassi superiori al 5 per cento. I
motivi della maggiore incidenza della spesa sono certamente da ricercare – sostiene la Coldiretti – nella necessità per i single di acquistare spesso maggiori quantità di cibo per
la mancanza di formati adeguati che, comunque, anche quando sono disponibili risultano molto più cari di quelli tradizionali.

Ad incidere sulla spesa mensile dei single sono nell’ordine – precisa la Coldiretti – la carne (65 euro), l’ ortofrutta (61 euro), pane, pasta e derivati dai cereali (52 euro), latte, yogurt e
formaggi (42 euro), bevande (29 euro), pesce (25 euro), zucchero, caffé (24 euro) e per ultimo oli e grassi (14 euro).

Ad incrementare la spesa alimentare – continua la Coldiretti – è anche l’elevata presenza di sprechi perché è facile dimenticare in fondo al frigorifero la confezione di
latte aperto, la mozzarella, la confezione di insalata aperta. Inoltre, i cibi pronti per il consumo arrivano a costare anche cinque volte il prezzo delle materie prime impiegate.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento