A Matera i programmi europei per la protezione dell’ambiente

 

La strategia europea per sviluppare un sistema integrato di osservazione della Terra, in grado di comprendere e anticipare le emergenze ambientali, passa per la Basilicata.

Giovedì e venerdì prossimi, a Matera presso l’Auditorium comunale, si terrà la conferenza internazionale sul tema «Osservazione della Terra e nuove
tecnologie per il monitoraggio, la valutazione e la gestione dell’ambiente», organizzata dalla Regione Basilicata nell’ambito dell’iniziativa «Open Days-Settimana europea
delle regioni», promossa dalla Commissione europea e dal Comitato delle Regioni.

All’evento prenderanno parte rappresentanti di circa 200 regioni, imprese ed agenzie provenienti da numerosi paesi europei, che potranno condividere le esperienze e le buone
prassi nel campo dell’osservazione della Terra e del monitoraggio ambientale, promuovere collaborazioni per progetti europei. Al centro della Conferenza, in particolare, le
attività Gmes-Kopernikus, Galileo e Cosmo-SkyMed per la protezione dell’ambiente, la prevenzione e la riduzione dei disastri naturali (inondazioni, incendi, eventi sismici), la
possibilità di offrire un supporto tecnico alla pubblica amministrazione per le decisioni di politica ambientale, la costituzione di reti internazionali per la condivisione delle
informazioni.

Gli interventi, che saranno moderati dal giornalista del Sole 24 Ore Corrado Poggi, saranno tenuti da esperti della rete Nereus (Rete delle Regioni europee utilizzatrici di tecnologie
spaziali) e rappresentanti di istituzioni italiane ed europee impegnate nel settore dell’osservazione della Terra e del monitoraggio ambientale.

Nel corso della Conferenza si svolgeranno incontri bilaterali e tour guidati per presentare le infrastrutture tecnologiche e di ricerca della Basilicata.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento