200.000 alloggi sfitti, cura proposta: 20% detrazioni fiscali se affitto a canone concordato

200.000 alloggi sfitti, cura proposta: 20% detrazioni fiscali se affitto a canone concordato

Mercato immobiliare fermo, alloggi vuoti e famiglie senza casa … e senza lavoro. Al Fisco Orco importa ben poco. Si preoccupa solo di spremere come limoni (già fin troppo spremuti) i contribuenti per soddisfare  la sua famelica fame che, invece di diminuire, aumenta ogni giorno di più. Invece di incentivare gli investimenti nel mercato immobiliare, e aiutare l’Economia creando posti di lavoro, si cercano palliativi strani che ingarbugliano ancor più la situazione. Il settore immobiliare, locomotiva dell’economia italiana, è destinato a diventare un pesante convoglio da smantellare.

Ecco cosa ne pensa Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia, uno dei massimi esperti del settore in rappresentanza dei proprietari.
Giuseppe Danielli

 

—-Original Message—–
Date: Sat, 2 Aug 2014 11:10:03
Subject: Equo Canone Mascherato – “Il Giorno” del 2 agosto 2014 – Rubrica Assoedilizia/Achille Colombo Clerici

Attorno al capezzale dell’immobiliare moribondo si affannano cerusici di vario genere: chi propone placebo, chi salassi, chi direttamente l’arsenico.

Una cura veramente efficace nessuno la propone.

Gira l’ idea che per le case nuove o ristrutturate messe in vendita potrebbero introdursi detrazioni fiscali nella misura del 20% del prezzo, a condizione che l’acquirente destini per 8 anni la casa alla locazione abitativa a canoni concordati.

Una specie di legge Tupini del 1949 ( l’esenzione venticinquennale dall’imposta fabbricati per le case affittate, insieme al piano Fanfani per le case popolari, permise di risolvere i problemi della ricostruzione postbellica e delle grandi migrazioni del secondo Dopoguerra ) che, per invogliare gli investimenti, invece di agire sulla tassazione del reddito, agisce sulla riduzione del costo d’acquisto.

Chissa’, si pensa, che non si riesca a collocare  qualcuna delle oltre 200 mila abitazioni che oggi costituiscono l’invenduto edilizio in mano ai costruttori.

Il meccanismo certamente permette a questi ultimi di vendere l’immobile al prezzo piu’ alto, ma, al tempo stesso espone l’acquirente ad un maggiore indebitamento per mutuo bancario ed alla necessita’ di far fronte ad un maggior esborso di contante per la quota eccedente la copertura del mutuo stesso.

Maggior costo dunque nell’immediato e semplice eventualita’ della detrazione, ove possibile.

L’ ancoraggio continuo al mito dei contratti agevolati, poi, e’ una palla al piede che il legislatore non riesce a scrollarsi di dosso, ad onta di qualsiasi ragione di buon senso: chi oggi investe ex novo in un immobile soggetto ad un regime che riproduce nella sostanza economica le logiche dell’equo canone, sia pure con il contentino dell’agevolazione fiscale ?

Immaginiamo dunque “pacchetti” di case in vendita con inquilino incorporato, magari “di comodo”.

Se poi non si riesce a locare o se nel corso del contratto agevolato, la cui durata comunque e’ di 5 anni ( mentre l’impegno resta per 8 ), si perde l’inquilino, se ne va anche la “riduzione” del prezzo d’acquisto.

Resta inoltre da capire se questa agevolazione si applichera’ solo alle persone fisiche, come avviene per le opere di ristrutturazione edilizia, o anche alle societa’, visto che queste ultime  rimangono ormai come gli unici e scarsi investitori negli immobili.

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento