Acanto, Principe di Savoia, Serata Gourmet con il Ruché Montalbera

Acanto, Principe di Savoia, Serata Gourmet  con il Ruché Montalbera

Dal nostro inviato speciale Franco Vergnano

alessandro-buffolino-acanto

 

Milano, Mercoledì, 19 ottobre 2016, Serata Gourmet al
ristorante Acanto (Principe di Savoia) con la cantina Montalbera.
MILANO –A Milano ci sono molti, anzi moltissimi ristoranti. Ma non tutti valgono sempre la pena di essere provati. Inoltre, non sempre i “ristoranti d’albergo” sono eccellenti. Ma quello dell’Hotel Principe di Savoia di Milano (non per niente della dorchestercollection.com), fa decisamente l’eccezione che conferma la regola.

 

 

Ruché Montalbera: Franco Morando

Ecco perchè la cantina Montalbera di Castagnole Monferrato lascia la sua splendida cornice naturale della provincia di Asti e sceglie la cornice del ristorante Acanto di Milano per presentare quello che è il clou della sua produzione, il Ruché, che proprio nella zona a nord est di Asti trova il suo luogo d’elezione. Questa cantina, fondata dalla famiglia Morando, da sei generazioni, crede e investe nella viticoltura della regione Piemonte e da anni, Franco Morando si dedica con passione alla valorizzazione dell’autoctono Ruchè.

 Che di misterioso ha già qualcosa nel nome c’è chi ipotizza che Ruché derivi dalla versione dialettale di Rocco, al cui santo era dedicata nella zona una chiesetta oggi inesistente; c’è chi pensa che il nome possa derivare dai tipici luoghi collinari, da cui il dialettale ruché, ad indicare l’erto arroccamento della vigna ben esposta al sole.

 

Etimologia a parte, il Ruché è stato co-protagonista della serata del 19 ottobre 2016 all’Acanto, dove lo chef Alessandro Buffolino ha creato un connubio perfetto tra proposte gourmet e le migliori etichette dell’azienda vitivinicola, con un menù di quattro portate ognuna accompagnata da un vino diverso, abbinato con cura dalla sommelier Mara Vicelli.

 

 

image004L’insalatina di puntarelle con mozzarella di bufala, alici e maionese di bottarga che ha costituito l’entrée è stato innafiato con un calice di Grignè – Grignolino d’Asti DOC 2015;

il primo piatto di tortelli al parmigiano stravecchio con doppio consommé di manzo è stato esaltato dall’inconfondibile Ruchè di Castagnole Monferrato DOCG 2015;

il secondo piatto, un manzo 75 con patate fondenti, spinaci e salsa bernese è stato accompagnato da un Nuda – Barbera d’Asti Superiore DOCG 2013

e, per concludere in dolcezza, un morbido savarin di mela, gelato alla vaniglia e mandorle croccanti si è abbinato, morbidamente, con il delicato San Carlo – Moscato d’Asti DOCG 2015.

 

Per informazioni e prenotazioni, contattare:

 

+39 02.6230.2026
acanto.hps@dorchestercollection.com

 

Franco Vergnano
Inviato speciale
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento