Paperino: il più bell’articolo di Attilio Scotti

Paperino: il più bell’articolo di Attilio Scotti

Riportiamo con grande affetto, e un po’ di invidia, questo articolo di Attilio Scotti, giornalista enogastronomo che da anni si batte per contrastare tutto ciò che, in nome del progresso e della industrializzazione, avanza inesorabilmente e distrugge il buon vivere quotidiano.
Odia il pangasio e i prodotti di pessima qualità, predilige prodotti semplici ma di grande tradizione. Prodotti e produttori che conosce bene per la sua lunga militanza di giornalista enogastronomo in Svizzera, in Piemonte, in Lombardia.

In Svizzera vive, con la sua amata Pia, tra il verde e i cavalli. Attilio l’ho conosciuto una decina di anni fa ad Asti, a una cena nella cantina di un ristorante; una serata afosa dominata da fameliche zanzare che ci hanno costretti a fuggire. C’erano anche la Pia e il suo cagnolino.
Newsfood.com ha pubblicato diversi articoli di Attilio, abbiamo lavorato insieme per qualche tempo. I suoi pezzi  sono sanguigni e spesso provocatori ma sinceri.

Il parallelo con Paperino credo proprio che sia calzato su misura su questo personaggio che ha frequentato i grandi alberghi ma lo si trova preferibilmente tra i suoi vecchi amici osti delle ultime trattorie rimaste.

A pensarci bene, siamo un po’ tutti dei Paperino, noi che stentiamo ad assogettarci al Dio Denaro: non diventeremo mai ricchi, le difficoltà e le disavventure ci accompagnano sempre ma le poche soddisfazioni e le dimostrazioni di vera amicizia ci ripagano con una moneta che i ricchi non potranno mai comprare.

Giuseppe Danielli

Ecco il testo che Attilio Scotti ha inviato nella sua lettera della settimana:

 

Attilio Scotti, Lettera della Settimana del 19 giugno 2014
Il personaggio ideato da Walt Disney compie ottanta anni. E’ stato il mio primo compagno di letture e svago, gioviale papero un poco sfortunato, pigro, irriverente, impertinente e a volte collerico, sempre a tasche vuote e sempre alla ricerca di qualche dollaro, ma onesto. Come è stata la mia gioventù, ma gli sono grato, da lui ho imparato ad essere onesto e libero. Paperino, spesso inventa lavori geniali ma non ricava denaro e fa mille lavori ( e favori ) per stare a galla. Ma nutre per la sua Paperina, come chi scrive nutre per la sua Pia, un affetto incondizionato nonostante sia Paperino, sia il sottoscritto, non siano ufficialmente sposati. Io e Paperino abbiamo la stessa età. E brindiamo. Allegramente e in buona salute. E per oggi a tavola: filettini di pesce persico del Ceresio dorati al burro artigianale da zangola con crescione di torrente condito da un filo di extravergine della Tuscia, due gocce di balsamico tradizionale di Modena di trent’anni , due bicchieri di Müller Thurgau spumantizzato dalla Cavit di Trento, unitamente ad fetta di pane alle olive.
ATTILIO SCOTTI

 

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento