Ue: La politica agricola europea deve posarsi su un bilancio importante

Ue: La politica agricola europea deve posarsi su un bilancio importante

Bruxelles – La Politica agricola comune (Pac) dovrà disporre di “un bilancio robusto”. Lo ha detto il commissario Ue Dacian Ciolos, designato ad occuparsi di Politiche agricole nel
Barroso II, rispondendo alle domande degli eurodeputati nella competente commissione del Parlamento europeo.   

“Lo sforzo della riforma – ha affermato – deve servire a rendere più trasparente il modo in cui vengono distribuiti gli aiuti, ma la Pac deve disporre di un bilancio importante non solo
per il sostegno al reddito degli agricoltori, ma perché è in gioco l’approvvigionamento agro-alimentare dell’Ue”.   

“Le sovvenzioni – ha osservato Ciolos – hanno un ruolo essenziale per la stabilità dei redditi e quindi questo meccanismo deve essere mantenuto. L’obiettivo non è ridurre le
sovvenzioni dirette, ma trovare equilibrio tra queste ultime e lo sviluppo rurale”.

“Siamo molto contenti delle sue risposte. Non so quanti altri commissari designati abbiano ricevuto applausi così calorosi”, ha detto il presidente della commissione agricoltura, Paolo De
Castro, al commissario designato al termine dell’audizione, aggiungendo poi fuori microfono: “Ottimo lavoro Dacian, complimenti”.   

Per due volte, il futuro commissario ha infatti ottenuto l’applauso degli eurodeputati dopo essersi sottoposto all’ultima tornata di domande, al termine delle tre ore previste di audizione.
  

Rispondendo ad una parlamentare olandese su come riuscirà a convincere i suoi colleghi che per la Pac serve un bilancio sostanzioso, Ciolos, ha ribadito: “C’é bisogno di una
politica agricola forte e c’é la necessità di approvvigionare il mercato con derrate alimentari. Una riduzione della produzione é contro il nostro interesse, soprattutto in
tempi di crisi”.   

Ciolos ha risposto a molte altre domande specifiche, anche riferite alla spesa nei singoli Stati dicendo che lavorerà perché “il tasso di errore sia ridotto al minimo”.
  

Quanto al sostegno a singole produzioni, come il caso del tabacco, il futuro commissario ha affermato che si atterrà alla riforma già decisa. “Bisogna essere coerenti, ma c’é
già un margine di manovra per accordare aiuti specifici a questo settore”, ha puntualizzato.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento