Tassa di solidarietà sui redditi alti, Acli: bene la proposta di Franceschini

Tassa di solidarietà sui redditi alti, Acli: bene la proposta di Franceschini

Roma – «La solidarietà dei più ricchi nei confronti dei più poveri è una «regola aurea» della democrazia e
della cittadinanza, fin dall’antichità». Le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani esprimono il loro apprezzamento per la proposta avanzata da segretario del Partito
Democratico Dario Franceschini di introdurre una tassa di solidarietà “una tantum” sui redditi più alti, per venire in aiuto alle fasce più povere degli italiani che si
trovano in ulteriore difficoltà a causa della crisi.

«Non riesco a capire lo scandalo di molti rispetto a una proposta di questo tipo – afferma il presidente nazionale Andrea Olivero – . E’ giusto che in un momento di fatica chi gode di
più dei benefici del benessere si faccia carico di chi è in affanno: è una regola aurea della cittadinanza fin dall’antichità, oltre a rispondere al principio
evangelico della solidarietà. Per questo mi aspetto un’apertura da parte del Governo, che già una volta, del resto,  ha dimostrato di non rifiutare questa logica del togliere
ai più ricchi per dare ai più poveri. A ben vedere – suggerisce Olivero – questa sarebbe per Il governo una seconda “Robin Hood Tax”»

Le Acli erano tra le associazioni presenti all’incontro di questa mattina a Roma per rendere conto, dal proprio osservatorio, della fatica e del disagio con cui una parte della popolazione
italiana sta subendo le conseguenze della crisi economica. «L’idea di sostenere con questo fondo potenziale di 500milioni di euro il lavoro del Terzo Settore e dei Comuni, secondo quanto
previsto dalla legge quadro 328, apre ad una logica di sussidiarietà e rilancia la prospettiva di un welfare comunitario che da sempre come associazioni andiamo sostenendo».

Leggi Anche
Scrivi un commento