Tanta verdura: così inizia il pasto perfetto

Tanta verdura: così inizia il pasto perfetto

Dimenticate la pasta al sugo, cancellate il risotto coi funghi e dite addio a fritti ed arrosti vari. Il vero inizio del pasto perfetto è una buona dose di verdura: sazia, offre poche
calorie ed aiuta a controllare la glicemia nei soggetti colpiti da diabete di tipo due.

Questo il messaggio di una ricerca dell’Università di Osaka (Giappone), diretta dal dottor Imai e pubblicata sul “Asia Pacific Journal of Clinical Nutrition”.

In un primo tempo gli esperti hanno lavorato con un ristretto gruppo di volontari diabetici, notando come, se la verdura veniva servita prima delle altre portate, l’aumento di glucosio ed
insulina era più contenuto.

Allora, il test successivo è stato fatto su un campione più ampio. 100 malati di diabete di tipo 2 sono stati divisi in due gruppi. Il primo gruppo ha consumato un pasto con prima
la verdura, poi i carboidrati. L’altro ha seguito un pasto a modello “razioni di scambio”: varie opzioni, tutte con apporto simile di calorie e nutrienti.

L’esame, durato un anno, ha mostrato un andamento preciso. Nelle prime fasi, entrambi i gruppi hanno visto ridursi i livelli di emoglobina glicata (marker del controllo a lungo termine della
glicemia). Poi, più tardi (dopo circa 6-12 mesi, la riduzione è stata nettamente più evidente nel gruppo che iniziava con la verdura. Inoltre, tali soggetti avevano
ottenuto anche migliore stato della pressione e dei lipidi plasmatici.

Il lavoro dei ricercatori nipponici è stato esaminato dal medico italiano Gabriele Riccardi, presidente della società italiana di diabetologia.

Per Riccardi, il pasto che inizia con le verdure “Comporta una dilatazione dello stomaco e, quindi, un importante stimolo alla sazietà che, a sua volta, induce a ridurre la successiva
assunzione di cibi più ricchi di energie e causa dell’innalzamento della glicemia soprattutto nelle persone con diabete”. Tuttavia, bisogna ricordare come il meccanismo di sazietà
sia lento (circa 15 minuti). Perciò, affinché le verdure abbiano effetto, bisogna prendere tempo, masticando a lungo ogni boccone.

FONTE: Imai S, Matsuda M, Hasegawa G, Fukui M, Obayashi H, Ozasa N, Kajiyama S., “A simple meal plan of ‘eating vegetables before carbohydrate’ was more effective for achieving glycemic
control than an exchange-based meal plan in Japanese patients with type 2 diabetes”, Asia Pac J Clin Nutr. 2011;20(2):161-8.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento