Sicurezza alimentare: Confagricoltura, no ad una nuova tassa generalizzata per i controlli sanitari

 

«Non è con un’ulteriore tassa sull’agricoltura che si risolve il problema della sicurezza alimentare». Lo denuncia Confagricoltura, a proposito
dell’introduzione di un nuovo tributo a carico delle aziende agricole per finanziarie i controlli sanitari.

Confagricoltura spiega come il decreto legislativo 194/2008 – nell’ottica di recepire il regolamento comunitario 882/04/CE – di fatto introduca nella legislazione italiana una
nuova tassa per gli operatori agricoli, per finanziare il sistema dei controlli ufficiali, eseguiti dalle autorità competenti per la verifica della conformità alla
normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali.

In merito ai controlli, Confagricoltura ricorda che la sicurezza alimentare in Europa è basata soprattutto sul sistema di autocontrollo aziendale. Circa l’80% delle
segnalazioni di pericolo che attivano le procedure di sicurezza alimentare (RASFF-Rapid allert system food and feed) provengono dalle stesse aziende e non dai controlli ufficiali.

Confagricoltura fa presente poi che, il d.lgs. 194/08, non ha recepito alcune indicazioni del regolamento 882/04, che avrebbero consentito una notevole attenuazione delle tasse a carico
delle aziende agricole. Ci si riferisce ad esempio al fatto che gli oneri non sono stati commisurati al reale pericolo alimentare ed alla capacità produttiva, né sono
stati presi in considerazione i sistemi di autocontrollo e di tracciabilità aziendali. Criteri, fortemente voluti da Confagricoltura nel dibattito europeo, che avrebbero dovuto
premiare le scelte aziendali indirizzate verso la qualità.

«In pratica – denuncia Confagricoltura – avviene che anche le aziende virtuose e impegnate nella produzione di alimenti di qualità e quelle di piccole dimensioni sono
tenute a pagare ugualmente cifre che, per i loro bilanci, sono esorbitanti».

Confagricoltura sollecita le amministrazioni competenti ad un chiarimento urgente, dal momento che molte ASL, come soggetti incaricati a svolgere i controlli, hanno già avviato
le procedure di riscossione. L’Organizzazione degli imprenditori agricoli invita quindi Regioni – avvalendosi delle loro competenze in materia, previste anche nel decreto- ad
intervenire per attenuare gli impatti fortemente negativi ed onerosi del provvedimento.

TABELLA

I dati della DGSANCO – il ministero della Salute europeo evidenziano che l’80% delle segnalazioni di pericolo che attivano le procedure di sicurezza alimentare (RASFF-Rapid allert
system food and feed) provengono dalle stesse aziende e non dai controlli ufficiali.

(elaborazione Confagricoltura su dati DGSANCO – Ministero della Salute europeo)

 

Leggi Anche
Scrivi un commento