Scuole: i versamenti dell'Irap e delle ritenute alla fonte Irpef

La Ragioneria generale dello Stato, con circolare n. 9 del 14 marzo 2008, ha fornito precisazioni in merito alle modalità di versamento delle ritenute alla fonte Irpef e dell’Irap da
parte delle Istituzioni scolastiche in base a quanto disposto dalla circolare n. 41 del 28 dicembre 2007.
Dal 1 gennaio 2008, in particolare, le istituzioni scolastiche devono effettuare i versamenti delle ritenute operate a titolo di Irpef, di addizionale regionale e comunale all’Irpef e dell’Irap
mediante il modello F24 telematico, ma, in caso di obiettive difficoltà, possono avvalersi di quello cartaceo. Solo le scuole aventi una gestione economica separata (e quindi titolari di
partita Iva), infatti, devono tassativamente utilizzare il modello F24 telematico.
La trasmissione telematica dell’F24 (che consente di effettuare contestualmente anche i contributi previdenziali Inps, l’Ires, l’Iva e l’Ici) può essere effettuata mediante i servizi
messi a disposizione gratuitamente dall’Agenzia delle Entrate, mentre per la compilazione è possibile utilizzare l’apposito software fornito dall’amministrazione finanziaria.
Rimandando alle istruzioni per la compilazione fornite dall’Agenzia, comunque, la Ragioneria ha ritenuto opportuno fornire qualche ulteriore precisazione:
– nella Sezione contribuente devono essere inseriti i dati relativi al codice fiscale dell’Istituzione scolastica, la sua denominazione e la sede (domicilio fiscale);
– la Sezione erario è relativa, tra l’altro, ai versamenti dell’Ires, dell’Iva e delle ritenute Irpef. Per queste ultime, bisogna specificare, oltre al codice tributo, anche il mese di
riferimento nel formato 00MM e l’anno di riferimento (espresso con quattro cifre);
– la Sezione Regioni riguarda l’Irap e le ritenute a titolo di addizionale regionale all’Irpef. In essa i dati devono essere inseriti in modo analogo a quelli previsti per il versamento dei
tributi erariali e deve essere riportato codice regione associato alla Regione o alla Provincia autonoma a favore della quale si effettua il versamento;
– la Sezione ICI ed altri tributi locali riguarda ritenute a titolo di addizionale comunale all’Irpef, e all’Ici.
La Ragioneria ha ricordato che il versamento delle ritenute alla fonte Irpef e dell’Irap deve essere effettuato entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui gli importi sono stati
oggetto di ritenuta (Irpef e addizionali) ovvero del mese di scadenza (Irap).

Ragioneria generale dello Stato, circolare n. 9 del 14 marzo 2008

Allegato 1: Codici tributo F24 maggiormente ricorrenti

Allegato 2: Codici Regione

Leggi Anche
Scrivi un commento