Scoperto un nuovo legame genetico con l'obesità

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto nuove varianti genetiche che influenzano la massa grassa, il peso e il rischio di obesità, si tratta di varianti che agiscono in
combinazione con la varianti del gene FTO identificate di recente: gli adulti che le presentano entrambe hanno in media un peso corporeo superiore di 3,8 kg.

Il gene interessato è MC4R: le sue mutazioni sono la causa più comune di casi di grave obesità famigliare. È ciò che è emerso da un accurato lavoro di
ricerca congiunto tra le Università di Oxford, Cambridge e altri 77 centri di ricerca in Francia, Italia, Regno Unito, Germania, Finlandia, Svezia e Stati Uniti. Per un’analisi che ha
interessato oltre 77mila adulti. «Siamo di fronte a un grande esempio – dice Ines Barroso, ricercatrice al Wellcome Trust Sanger Institute – di come la cooperazione possa portare a nuove
scoperte altrimenti impossibili.

Il ruolo preciso nell’obesità sia di FTO sia di MC4R rimane ancora da scoprire interamente, ma adesso cominciamo a capire le conseguenze biologiche di queste varianti genetiche. Proprio
in questo punto la nostra ricerca farà la differenza». La proteina MC4R gioca un ruolo chiave in molti aspetti della fisiologia, inclusi la regolazione dell’appetito e il dispendio
energetico.

Leggi Anche
Scrivi un commento