Presentato il progetto Casa Puglia

Casa Puglia, presentato a Euro&Med Food 2008 il progetto dell’Assessorato ai Flussi Migratori della Regione Puglia «Questo progetto ha come intento ultimo quello di far emergere il
valore strategico dei Pugliesi nel Mondo come testimoni del sistema Puglia sugli scenari internazionali».

Questa la mission del progetto Casa Puglia illustrato questa mattina durante la quarta edizione di Euro&Med Food in svolgimento presso la Fiera di Foggia alla presenza dell’assessore
regionale ai Flussi Migratori, Elena Gentile. «E’ un’opportunità unica – ha affermato l’assessore Gentile – che non abbiamo intenzione di farci scappare. La Regione Puglia in
questi anni ha investito e continua a investire risorse importanti nello sviluppo di strategie di internazionalizzazione.

Casa Puglia rappresenta proprio il prodotto di questi sforzi.

Certo, adesso dobbiamo lavorare sulla rete e dobbiamo investire nel suo ampliamento, ma se questi sono i presupposti possiamo essere positivamente speranzosi per il futuro».

Casa Puglia si struttura come un vero e proprio «ufficio di rappresentanza» della Puglia all’estero. All’interno delle strutture sarà possibile ottenere informazioni,
consolidare rapporti economici e culturali con i territori di destinazione dell’iniziativa, conoscere le peculiarità del territorio pugliese e avvicinare le popolazioni estere alle
nostre tradizioni.

Pioniere del progetto è stato Francesco Bellomo, membro del Consiglio Generale dei Pugliesi nel Mondo a Montreal, in Canada.

«Siamo stati i primi a credere in questo progetto – ha spiegato – e abbiamo investito molto nella sua realizzazione, coinvolgendo tutta la comunità pugliese di Montreal, una
città cosmopolita che in questi anni è cresciuta molto, anche grazie al nostro apporto.

Casa Puglia oggi rappresenta il punto di riferimento per i pugliesi che vogliano investire nel Quebec e per i canadesi che desiderano conoscere le opportunità che la Puglia offre.

Registriamo la grande collaborazione di tutte le associazioni pugliesi presenti, anche fuori dai confini del nostro stato, e, grazie a un partenariato flessibile, rappresentiamo attualmente la
più concreta possibilità di fare sistema tra i nostri territori, quelli da cui proveniamo e quelli in cui oggi ci troviamo a vivere».

«Casa Puglia é l’esempio reale di come capitalizzare le risorse e convertirli in valori positivi per una economia di ritorno – è il concetto espresso da Giovanni Mariella,
vicepresidente del Consiglio Generale dei Pugliesi nel Mondo e primo promotore del progetto -. Nel mondo, in questi anni, le nostre associazioni hanno lasciato una traccia visibile della
propria presenza, partecipando ai processi di sviluppo economico, sociale e culturale. Anche la politica ha tratto vantaggio da questa presenza, tanto che non è difficile trovare
politici pugliesi ai vertici di importanti istituzioni. Questo fermento andava e va valorizzato. Oggi possiamo dire di esserci riusciti. Casa Puglia, grazie anche alla Fondazione che ne
gestirà l’impianto di base, trasformerà queste energie positive in attività concrete di interesse generale». Attualmente i pugliesi nel mondo ammontano – secondo i
dati dell’AIRE, l’anagrafe degli italiani residenti all’estero – a circa 300.000, mentre sono oltre 200 le associazioni regolarmente registrate all’Albo Regionale Pugliese. Dopo Montreal, nel
corso dell’anno saranno inaugurate le sedi di Casa Puglia a Vancouver, New York e in Argentina.

Leggi Anche
Scrivi un commento