Per l'autopsia Lorena picchiata prima di essere strangolata

E’ morta per asfissia da strangolamento dopo essere stata selvaggiamente picchiata Lorena Cultraro, la ragazza di 14 anni uccisa e gettata in una cisterna nelle campagne di Niscemi, questo
quanto emerso dall’autopsia effettuata oggi sul corpo. Bisognerà invece aspettare ancora alcuni giorni per sapere se la ragazza fosse incinta come raccontato dai tre ragazzi arrestati
per l’omicidio.

Le condizioni del corpo non hanno permesso di accertare se ci fosse una gravidanza in corso allo stato iniziale e per questo saranno necessari più approfonditi esami istologici. L’esame
autoptico ha invece accertato che la ragazza presenta il viso tumefatto e numerosi lividi sul corpo, a causa dei calci e dei pugni ricevuti prima di essere strangolata con il cavo di
un’antenna. I funerali della ragazza potrebbero svolgersi a Niscemi domani pomeriggio.

Leggi Anche
Scrivi un commento