Obiettivo Milano. La Consulta degli ordini professionali ascolta la città

Obiettivo Milano. La Consulta degli ordini professionali ascolta la città

Colombo Clerici (Assoedilizia): iniziativa più che utile nell’emergenza pandemia e nella prospettiva del new normal

Obiettivo Milano. La Consulta degli ordini professionali ascolta la città

 

L’Ordine dei Giornalisti lombardo è stato promotore nell’ottobre del 2017 – insieme all’Ordine degli Avvocati e a quello dei Commercialisti ed Esperti contabili – della costituzione della Consulta delle professioni milanesi che oggi raggruppa nove Ordini (Medici, Notai, Psicologi, Ingegneri, Geometri, Consulenti del lavoro, oltre ai tre fondatori).

La Consulta è coinvolta attivamente nel coordinamento cittadino delle Istituzioni e delle Associazioni di categoria promosso dal Comune e dalla Prefettura (coordinamento che ha ridefinito, per esempio, i tempi della città in funzione della prevenzione dei contagi pandemici), ma è altresì impegnata in progetti di natura sociale da essa stessa elaborati e che ruotano attorno a ”Obiettivo Milano”, un viaggio attraverso i bisogni delle multiformi comunità e delle realtà urbane.

“Obiettivo Milano” è un progetto di “give-back” della Consulta dei Presidenti delle Professioni ordinistiche milanesi e si prefigge lo scopo di riconnettere la società civile della metropoli, attraverso l’esperienza e l’ascolto di ogni forma di aggregazione sociale presente sul territorio.

Partendo dalle banche dati degli sportelli di ascolto delle professioni, è stato poi organizzato un vero e proprio tour dei municipi della città, attraverso una modalità operativa così definita:

  • un primo studio del territorio, partendo dai consigli di zona per proseguire con interviste ad espressioni di associazioni, enti e circoli. Questo ha permesso di conoscere storie, volti, realtà che costituiscono il focus del progetto.
  • Il materiale raccolto ha portato a realizzare più video che focalizzano i problemi dei quartieri attraverso la narrazione dei protagonisti.
  • Lo storytelling permette di monitorare e porre in evidenza le criticità del territorio; e di costruire una narrazione veicolata attraverso i social
  • Al termine del tour cittadino verrà realizzata la pubblicazione di un “Libro Bianco”.

Il presidente di Assoedilizia e di AMICI DI MILANO, Achille Colombo Clerici: “L’iniziativa è di grande rilevanza sociale, culturale ed economica. Attraverso professionisti qualificati e indipendenti essa è in grado di presentare ai pubblici amministratori una visione olistica della  realtà metropolitana offrendo, in tal modo un quadro esauriente  dei numerosi problemi presenti in una comunità complessa e in continua trasformazione. Una collaborazione – tra professionisti e  decisori –  che, se adeguatamente attivata, può indicare nuove vie per affrontare più costruttivamente il difficile momento che stiamo vivendo”.

FOTO:

  • Alessandro Galimberti, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, con Achille Colombo Clerici
Leggi Anche
Scrivi un commento