O ci vai o ci sei: una Torino di Cioccolatò

O ci vai o ci sei: una Torino di Cioccolatò

Torino città del cioccolato. Dal 2 al’11 marzo, la capitale dei Savoia è la sede di Cioccolatò, manifestazione che esalta il cibo degli dei in tutte le sue
forme.

Partendo dalla tradizione cioccolatiera locale, i visitatori potranno godere di degustazioni, momenti culturali, animazioni e spazi dedicati ai bambini. Il tutto in nome del motto “O ci vai o ci sei” e della mappa-confezione del Gianduiotto, che aiuterà i curiosi ed i golosi a raggiungere la destinazione.

Sull’iniziativa si è espresso l’assessore Maurizio Braccialarghe, sostenendo come questa “Non può essere etichettata come un semplice evento ludico. In Cioccolatò c
è molto di più. Questa manifestazione, ogni volta, ha il piacere di stupire i molti avventori con un’esperienza irripetibile, con l’Arte del Gusto, ascrivendosi a pieno titolo nel
novero delle più interessanti iniziative culturali della città”.

Qualche indiscrezione è poi filtrata dalle interviste a Eugenio Guarducci, direttore artistico della kermesse. Egli ha confermato come Cioccolatò sarà localizzato
principalmente in Piazza Vittorio Veneto, ma renderà protagonista l’intera città. L’obiettivo finale è “Creare occasioni di incontro tra i produttori e il pubblico e
per questo ripeteremo iniziative di lavorazione in diretta del cioccolato da parte dei maestri cioccolatieri e pasticceri e, importante novità del 2012, porteremo in piazza anche le
attività di degustazione aprendole ad un pubblico più ampio e creando un legame più diretto tra gli artigiani presenti in Piazza Vittorio Veneto e i visitatori”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento