Monza e Brianza: Natale, un giro d'affari di oltre 60 milioni di euro

Monza – Il Natale porterà un giro d’affari di oltre 60 milioni di euro, spesi più per festeggiare che per fare regali, quasi 19 milioni di euro per bar e ristoranti, 24 per
i pranzi e le cene di Natale e Capodanno, 25 per i regali soprattutto di abbigliamento; è quanto emerge da una stima dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza, su
dati registro delle imprese e fatturati aziendali.

Sono circa 20 mila le imprese della Brianza coinvolte più o meno direttamente dall’»industria del Natale». Di queste, quasi 3.300 tra bar e ristoranti, 500 librerie e
articoli musicali, oltre 1.000 alimentari e altrettante per l’abbigliamento e pelletteria, 150 tra profumerie ed erboristerie. Tra pasticcerie e panifici si contano quasi 600 imprese. E le
aziende interessate occuperanno in questo periodo almeno 500 lavoratori stagionali.

«È un’occasione di rilancio dell’economia diffusa, dalle piccole e medie imprese manifatturiere al terziario – ha commentato Carlo Edoardo Valli, presidente della Camera di
commercio di Monza -. I consumi di Natale per le aziende sono una cartina di tornasole di come andrà l’attività economica nel prossimo anno. Si conferma l’importanza per le
piccole e medie imprese del lavoro flessibile, come risposta alla domanda dei consumatori e come possibilità per i giovani di fare un’esperienza di lavoro».

Leggi Anche
Scrivi un commento