Milano: Ferrazzi promuove l’agricoltura sociale

Milano: Ferrazzi promuove l’agricoltura sociale

Milano – Legare la funzione produttiva ad una utilità sociale come quella di offrire lavoro a persone che vivono in situazione di disagio. E’ il nuovo modello dell’agricoltura
sociale
, tema al centro di un incontro che si è svolto nella sede dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Lombardia.

“L’agricoltura sociale – ha sottolineato l’assessore Luca Daniel Ferrazzi – offre l’occasione di concedere una nuova possibilità a chi si è trovato o si trova a vivere situazioni
di disagio, permettendogli reinserirsi e di trovare un ruolo nella società proprio attraverso il lavoro della terra”.

“Oggi però – ha continuato Ferrazzi – agricoltura sociale non è sinonimo di beneficenza o di un’attività resa possibile solo se sostenuta, bensì
un’opportunità per unire i valori della solidarietà con quelli della conduzione di un’impresa moderna e innovativa, capace di stare sul mercato con successo e profitto”.

Nel corso dell’incontro è stata presentata l’esperienza della Cooperativa Sociale Aretè, al centro di un progetto finanziato dalla Regione Lombardia che sarà illustrato nei
prossimi mesi con una serie di incontri formativi rivolti agli agricoltori, ai cittadini e al mondo scolastico. Altro partner del progetto regionale è AIAB (Associazione Italiana
Agricoltura Biologica) Lombardia, che ha offerto l’appoggio e la condivisione del mondo del biologico.

Aretè è un’azienda cooperativa delle campagne bergamasche che coltiva ortaggi con metodo biologico, presso la quale sono impiegati sia nei lavori agricoli sia in quelli
amministrativi carcerati e persone con problemi psichici. Un caso di successo, seguito con interesse anche a livello nazionale. Infatti l’esperienza, già partita in Regione Lombardia,
sarà oggetto anche di un progetto di livello nazionale in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole e forestali e il Ministero di Grazia e Giustizia.

“Il caso di questa cooperativa sociale – ha concluso Ferrazzi – rappresenta un modello che vorremmo sempre più diffuso sul territorio regionale. Dalla produzione biologica alle
attività di educazione alimentare, passando per le nuove esperienze degli asili in fattoria, i cosiddetti agrinidi, oggi la multifunzionalità dell’agricoltura offre numerose
occasioni per creare reddito e rendere allo stesso tempo le aziende sempre più inserite nel tessuto sociale nel quale vivono e lavorano”.

 

regione.lombardia.it
Redazione Newsfood.com WebTv – info@newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento