Meno birra, più metal detector. Effetto terrorismo in Nigeria

Meno birra, più metal detector. Effetto terrorismo in Nigeria

Boko Haram non colpisce solo le persone, ma anche il mercato, soprattutto quello della birra, di cui la Nigeria è il maggior consumatore del continente africano.

A dirlo, Nicolas Vervelde, amministratore delegato di Nigerian Breweries, leader del mercato delle bionde. Secondo Ververde, primo bene a calare la birra, soprattutto nella Nigeria
settentrionale, più soggetta all’azione dei terroristi quaedisti. Secondo il manager, il calo avviene per due motivi principali. Il primo è la paura: le persone hanno sempre meno
voglia di uscire, di divertirsi di bere qualcosa in compagnia.

Il secondo è di tipo pratico: gli estremisti islamici focalizzano gli attacchi sugli obiettivi sensibili, come luoghi di riunione, ad es: ristoranti, bar, alberghi e locali notturni. Di
conseguenza, i frequentatori devono accettare lunghe file e minuziosi controlli da parte degli addetti alla sicurezza.

Questo scoraggia ulteriormente i potenziali consumatori ed aumenta solo gli acquisti di un bene particolare, i metal detector.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento