“Mangiare cani e gatti fa bene”. E dall’Ausl di Reggio Emilia parte la denuncia

“Mangiare cani e gatti fa bene”. E dall’Ausl di Reggio Emilia parte la denuncia

L’Azienda Ausl di Reggio Emilia, il locale Ordine degli Psicologi e gli ecologisti contro una scrittrice del web, sedicente psicologa.

Tutto inizia con sito Internet, dove l’autrice (indicata come “Sedicente psicologa dell’Azienda Usl di Reggio Emilia”) indica come un “Presunto studio” abbia evidenziato “I benefici effetti
sull’uomo derivanti dal consumo di carne di gatto e di cane”.

Secondo la presunta dottoressa, nello studio in questione, 1000 volontari avrebbero consumato per un mese la carne dei due animali domestici. Alla fine di tale periodo, la particolare dieta
avrebbe provocato crescita delle prestazioni sessuali (+33%) e maggiore resistenza ad una serie di malattie: sottocutanee, cardiovascolari, infettive, croniche. Inoltre, nei volontari sarebbe
stata anche registrato un potenziamento dei cinque sensi.

Il portale viene scoperto da un’associazione per la tutela degli animali, che porta il fatto a conoscenza della locale azienda sanitaria.La reazione del’Ausl è diretta.

Subito scatta la smentita , con il portavoce che spiega come l’azienda “Oltre a dissociarsi completamente dai contenuti descritti su internet, provvederà a inoltrare denuncia alla
polizia postale per i seguiti di competenza”. Inoltre, la direzione della struttura mette in chiaro come “Si tratta evidentemente di uno scherzo di pessimo gusto a cui l’Azienda Usl di Reggio
Emilia è del tutto estranea”; riguardo alla scrittrice, si sostiene che “La persona che firma la comunicazione non è dipendente di questa Azienda, non compare tra gli iscritti
all’Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna, né risulta nota ai nostri servizi”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento