L’attività di ricerca varietale della Cooperativa Sant’Orsola

L’attività di ricerca varietale della Cooperativa Sant’Orsola

Quali sono le nuove varietà di lampone Sant’Orsola e quali sono le loro caratteristiche?

Le nuove varietà di Lampone Sant’Orsola si chiamano Evita, Amaranta e Sungold. Sono state brevettate nel 2012 e grazie a loro sale a 8 la quota di varietà di lamponi di cui
la Cooperativa è proprietaria o licenziataria in esclusiva.

Evita è una varietà di lampone rifiorente precoce, caratterizzata da un’elevata produttività della pianta. I frutti sono conici, rosso brillante e di grandi
dimensioni e garantiscono un’elevata shelf life.

Amaranta presenta una struttura della pianta che agevola la raccolta, mentre i frutti hanno un sapore ben bilanciato e una buona resistenza.

Infine Sungold è un lampone giallo, resistente e dal sapore delicato, la cui pianta garantisce una produttività superiore alla media.

Quando è iniziata l’attività di ricerca varietale Sant’Orsola?

L’attività prende le mosse dal lavoro svolto nel campo sperimentale di Vigolo Vattaro (TN), che nasce nel 2000 come campo catalogo per la valutazione di varietà esistenti di
fragole e piccoli frutti. Nel corso degli anni si è aggiunta l’attività di selezione e produzione di nuove varietà di fragole, fragoline e soprattutto lampone.

A quali esigenze risponde l’attività di ricerca e sviluppo?

Le varietà brevettate rispondono sia a esigenze di coltivazione, produzione e redditività che alle richieste del mercato sulle caratteristiche dei frutti. Le esigenze di
produzione riguardano fattori quali la resistenza, la salubrità, la capacità produttiva e la struttura delle piante. Per rispondere alle richieste del mercato, vengono invece
valutate caratteristiche dei frutti come l’acidità, la dolcezza, la shelf life e la resistenza alla compressione.

Come nascono le nuove varietà di lampone Sant’Orsola?

L’attività di innovazione varietale e di miglioramento genetico avviene attraverso incroci naturali nel campo sperimentale di Vigolo Vattaro (TN). Le sperimentazioni interessano oggi una
superficie di 12.000 mq. Il processo per arrivare a una nuova varietà richiede una lunga selezione, che parte dalla valutazione di 6.000 semenzali ogni anno. Di queste, solo 2-3
selezioni arrivano alla fase finale, durante la quale vengono effettuati test avanzati come produzione, peso medio del frutto, shelf life, acidità, dolcezza, durezza e resistenza alla
compressione. Prima di arrivare ai vivai e sui campi, le varietà scelte affrontano un percorso di sanificazione da virus e ulteriori controlli in serra.

Quali sono i vantaggi per i soci Sant’Orsola?

La selezione delle nuove cultivar consente ai nostri soci di avere piante più sane, resistenti e redditizie. Questo si traduce in minori costi di produzione e in una migliore
remunerazione del capitale investito, con un incremento degli introiti per tutta la compagine sociale.

Per altre informazioni: www.santorsola.com

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento