La Montina: festeggia il 25° Vinitaly con ”Riserva di famiglia”

La Montina: festeggia il 25° Vinitaly con ”Riserva di famiglia”

I 25 ANNI A VINITALY DELL ‘AZIENDA STORICA DELLA FRANCIACORTA ”LA MONTINA”
AUGURI ”LA MONTINA”
Tanti Auguri a questa grande e storica Azienda che produce da tanti anni ormai questo prezioso nettare della Franciacorta che ci emoziona sempre quando lo degustiamo lentamente per il piacere di bere un’eccellenza che non ha niente da invidiare ai migliori cru francesi !!!
Ebbene sì, sono oramai ben 25 anni che ”LA MONTINA” parteciperà  al nostro VINITALY Internazionale nella splendida città di Verona.
Sarà uno degli appuntamenti più attesi dai Wine Lover e Professionisti del settore italiani e stranieri, ci presenterà alcune novità, e lo farà come di consuetudine ovviamente anche a questa 50° edizione di Vinitaly.
Appuntamento perciò martedi 12 aprile, all’interno dello spazio eventi del Consorzio Franciacorta dove La Montina organizzerà una degustazione verticale ”Riserva di famiglia”, quattro calici per esplorare alcune delle ultime migliore annate della sua produzione.

L’evento è a numero chiuso, per maggiori informazioni siete pregati di contattare : comunicazione@lamontina.it.
Sarà anche l’occasione in anteprima per vedere e magari degustare la bottiglia ufficiale di Franciacorta Rosso Nero prodotta da La Montina esclusivamente per i tifosi del Milan.
Troverete ”LA MONTINA” al Palaexpo-Padiglione Lombardia-Area Franciacorta-Stand D15.
Non mancate però di fare anche visita a La Montina nella tenuta di 72 ettari a Monticelli Brusati (Brescia) nel cuore della Franciacorta, dove il terreno, lontano dal traffico, comincia a farsi vedere in tutto in suo splendore in mezzo alle dolci colline – c’è da appagare tutti e cinque i sensi. La bellezza del posto è veramente impagabile, e la ristrutturazione della villa, dei casali e la sistemazione della cantina sono concepite con grande arte e maestria.

Una specie di piccolo museo, dove arte e architettura non sfigurano con i vini che la famiglia Bozza produce da quando, era il 1982, si sono lanciati nell’avventura della vinificazione.
Tutti fortemente motivati si sono dati da fare senza risparmio a cominciare da Vittorio, presidente, e Gian Carlo, a.d., e poi Alberto, consigliere e Michele responsabile del marketing, già esponente di seconda generazione dei vignaioli di qualità.

Con quel nome, “La Montina”, il nome ricorda subito quel grande papa che fu Paolo Sesto, papa Montini, per l’appunto, che discendeva dalla famiglia bresciana originata da Benedetto Montini: le prime testimonianze sono del 1620. Poi la proprietà era passata alla congregazione delle suore Dorotee.

Scavando nella storia, si capisce perché i Bozza siano riusciti a fare un vino che sta sulla mensa del papa, la più antica monarchia del mondo. Ci hanno messo anche del loro, si capisce. In particolare il coraggio e l’amore per la terra e per il buon vino coltivato nella tradizione enologica di famiglia. Niente da invidiare con i nostri cugini francesi e di stare a fronte alta con i lignaggi più importanti dell’arte vinificatoria di tutto il mondo.

Dalle cantine de La Montina escono ogni anno 450 mila bottiglie di metodo classico, derivato da uve Chardonnay, di Pinot bianco e Pinot nero. Il disciplinare del Consorzio Vini della Franciacorta è una specie di tavola della legge per i Bozza; e così, tanto per fare un esempio, le uve vengono raccolte manualmente, stando ben attenti alla maturazione ottimale, in cassette di massimo 20 chili, così da non rovinare l’acino.

Poi, altra unicità della tenuta la Montina, il torchio verticale Marmonier che permette una spremitura dolce senza frantumazione delle bucce. La rifermentazione naturale avviene in bottiglia con successiva lenta maturazione e un affinamento sui lieviti, non inferiore ai 18 mesi per le basi, 30 mesi per i millesimati e ben 60 mesi per le riserve.

E’ così che nascono i gioielli della casa.
Insomma: una visita alla Montina è proprio raccomandabile anche in considerazione del fatto che La Montina è stata insignita del Premio Accoglienza Essere Franciacorta per il più alto standard di ospitalità registrato tra le cantine di Franciacorta. Oltre al loro vino infatti, i Bozza promuovono l’intero territorio di cui valorizzano cultura ed eccellenze.

E la riprova è che dal 2004 è anche sede del Museo di Arte Contemporanea in Franciacorta – Remo Bianco.

Ogni anno poi, all’inizio di primavera, La Montina accoglie esperti e comunicatori dell’enologia italiana per sentire i loro pareri sulla magica alchimia che darebbero per dare il via alla produzione. E’ un’occasione importante di incontro e di confronto anche con gli enologi (Cesare Ferrari, Nicolas Secondé) e gli agronomi (Rocco Marino, Alceo Totò) e il responsabile di cantina Roberto Belleri.

Una cosa mette tutti d’accordo: la qualità la si ottiene prima in vigna e poi – solamente poi – in cantina……
Bene, cari amici, ci resta solo che partecipare al nostro VINITALY e perchè non, fare un salto a La Montina dove certamente troverete una buona accoglienza e vi meraviglierà per la sua grande bellezza.

Tommaso Chiarella
per Newsfood.com

 

 

 

Vedi anche:

Immagine storia relativa a La montina site:newsfood.com tratta da NEWSFOOD.com

La Montina, EXPOrience: Per orientarsi in Franciacorta ora basta un

NEWSFOOD.com01 lug 2015
Per orientarsi in Franciacorta ora basta un click. Grazie a EXPOrience, il nuovo progetto studiato dalla storica cantina franciacortina La Montina …

Immagine storia relativa a La montina site:newsfood.com tratta da NEWSFOOD.com

La Montina alla raccolta fondi a favore di “Operation Smile”. Una

NEWSFOOD.com21 giu 2014
Lo stand La Montina è stato meta di pellegrinaggio dei tanti ospiti, tutti colpiti ed incuriositi dalla realtà di Franciacorta, una realtà in espansione …
Redazione Newsfood.com
Contatti

 

Leggi Anche
Scrivi un commento