India: oggi gli incontri con i maggiori gruppi finanziari e produttivi del Paese

Fitto calendario di appuntamenti per l’ultima giornata della missione del Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Paolo De Castro, giunto il 15 gennaio in India, dove ha
incontrato i Ministri dell’Agricoltura e del Food Processing, Sharad Pawar e Subodh Kant Sahai.

Oggi, nell’ultimo round di colloqui, De Castro ha incontrato i rappresentanti dei maggiori gruppi finanziari e produttivi del Paese, fra cui Barthi Enterprise, Reliance Industries e Thapar
Group.«Grazie a questi colloqui – ha spiegato De Castro – abbiamo gettato le basi per la creazione di concrete opportunità di scambio commerciale e l’avvio di joint-venture
italo-indiane tra imprese interessate all’internazionalizzazione». «Le opportunità maggiori in India per le aziende italiane – ha precisato il Ministro – riguardano i settori
cruciali della trasformazione, della distribuzione e della vendita al dettaglio dei prodotti agroindustrali».

Nonostante le riforme in atto dell’intero sistema economico, infatti, l’industria di trasformazione è del tutto inadeguata rispetto alla crescente domanda di consumi alimentari,
soprattutto da parte della popolazione urbana. Nel complesso, l’India esprime oggi autosufficienza e capacità di esportare alcuni prodotti agricoli, quali tè, cotone, frutta
tropicale, confermandosi anche primo produttore al mondo di latte e potendo contare su eccedenze importanti nel settore del grano duro, tuttavia non è ancora in grado di valorizzare
queste produzioni attraverso l’attivazione delle fasi successive che potrebbero aumentarne il valore aggiunto con la trasformazione, il confezionamento e l’incorporazione di servizi. Si tratta
di settori in cui esistono dunque, grandi opportunità di scambio e concrete possibilità di penetrazione e sviluppo per le imprese italiane. Non a caso i gruppi finanziari indiani
incontrati oggi dal Ministro De Castro hanno dimostrato grande interesse e disponibilità organizzativa e finanziaria nei confronti della delegazione economica che lo accompagna in questo
viaggio in India. Al seguito del Ministro ha viaggiato una folta rappresentanza istituzionale ed imprenditoriale, composta da membri di Confindustria, Federalimentare, Fedagri, Italian Style,
Anima (Federazione delle associazioni nazionali dell’industria meccanica), Unacoma (Unione nazionale costruttori macchine agricole), Unione Parmense Industriali, Cermac (Consorzio di promozione
all’export per l’agricoltura, la zootecnia e l’agroindustria) e CRAI.

«L’India – ha ricordato De Castro – è un mercato dalle enormi potenzialità dal quale il nostro sistema imprenditoriale non può essere escluso». «La
presenza, in questo viaggio, di un’ampia rappresentanza del nostro mondo imprenditoriale – ha concluso il Ministro – è il segno tangibile con cui tutta l’Italia guarda a questo grande
Paese, nel quale abbiamo fatto, in questi giorni, passi avanti decisivi nel campo della cooperazione».

Leggi Anche
Scrivi un commento