Il Lombardia aumentano le aziende agricole con vendita diretta

Il Lombardia aumentano le aziende agricole con vendita diretta

Milano – In Lombardia, sono 6500, l’11% del totale, le aziende agricole attrezzate per vendere direttamente e senza intermediari i propri prodotti. Si tratta di un fenomeno in continua
crescita, tant’è che nel 2005 erano 3400.

I dati, presentati in occasione del seminario “La vendita diretta in Lombardia”, emergono da una ricerca commissionata dalla Direzione Agricoltura della Regione Lombardia. Nell’incontro
è stato fatto il punto sulla cosiddetta “filiera corta”, un fenomeno che sta riscontrando sempre maggior interesse e successo  tra i produttori e i consumatori.

“Queste statistiche –  ha detto l’assessore Luca Daniel Ferrazzi – rappresentano un segnale chiaro di una tendenza in atto negli ultimi anni, quella di un ritorno a un rapporto diretto tra
agricoltore e consumatore. I nostri agricoltori offrono, attraverso modalità diverse, i loro prodotti, cogliendo un’interessante opportunità imprenditoriale e dando al tempo stesso
ai lombardi una nuova e valida alternativa per la propria spesa quotidiana”.

Secondo la ricerca, a praticare maggiormente la vendita diretta sono le aziende agricole medio-piccole, con una superficie inferiore ai 20 ettari (61%) e con una conduzione quasi esclusivamente
famigliare.

Per il 27% delle aziende che la praticano, inoltre, rappresenta l’esclusiva modalità di conferimento dei propri prodotti. 

Il 44% delle aziende attrezzate vende senza intermediari a supermercati e negozi locali, il 43% partecipa a sagre e feste di paese, il 14% ai mercati contadini, mentre il commercio online
è per ora praticato nell’8% dei casi.

Il 54% delle aziende, poi, è in grado di etichettare e vendere prodotti con un proprio marchio o logo.

Il 39% delle aziende che fa vendita diretta commercializza latte, burro e formaggi, il 37% vino e prodotti florovivaistici. 

Il 24% vende ortaggi, il 22% miele e altri prodotti dell’apicoltura, il 20% frutta, il 19% carne e il 15% salumi.

“Regione Lombardia  – ha aggiunto Ferrazzi – sta contribuendo a rendere attuabili diversi percorsi di filiera corta, partendo dai Comuni e coinvolgendo l’organizzazione di mercati contadini
nel rispetto di regole certe. La filiera corta – ha concluso l’assessore Ferrazzi – ha inoltre il vantaggio di poter promuovere al meglio il binomio prodotto-territorio. Una situazione ideale per
un’agricoltura come quella lombarda, che sa affiancare a produzioni tipiche fornite su larga scala da un’industria agroalimentare moderna ed efficiente, anche centinaia di piccole realtà,
che hanno in questo modo un’opportunità per ricavarsi il proprio spazio offrendo prodotti legati alla stagionalità e al territorio d’origine”.

Leggi Anche
Scrivi un commento