I gioielli vinicoli del Consorzio Tutela Vini Montefalco protagonisti in Canada

I gioielli vinicoli del Consorzio Tutela Vini Montefalco protagonisti in Canada

Roma – È stato un vero successo l’evento che ha portato in tour il Consorzio Tutela Vini Montefalco che, con una rappresentanza di viticoltori provenienti da una tra le aree produttive più rinomate dell’Umbria, ha raccolto consensi in Canada e negli States presentando i propri gioielli vinicoli.

Un successo ancora più prezioso alla luce dei dati 2013 dell’Oiv – Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino – che confermano gli Stati Uniti il primo mercato mondiale in termini di consumi enologici per l’Italia (2,5 milioni circa di ettolitri esportati per un valore di oltre 1,3 miliardi di dollari), nonostante la lieve inflessione delle  importazioni complessive (9,4% in quantità).

Vini Montefalco

Vini Montefalco

Protagonisti del tour il Montefalco Sagrantino DOCG e il Montefalco Rosso DOC, coltivazioni che da oltre cinquecento anni caratterizzano la produzione vinicola di Montefalco e che nel 2013 hanno vissuto un’annata record.

“Per il Montefalco Sagrantino DOCG abbiamo registrato un aumento di 1.500 ettolitri imbottigliati rispetto al 2012, mentre per il Montefalco Rosso DOC abbiamo addirittura  superato i duemila – commenta Amilcare Pambuffetti, Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco – Con questi numeri possiamo guardare con grande fiducia al mercato americano, sensibile alla qualità e al valore dei prodotti made in Italy”.

La traversata a stelle e strisce del Consorzio umbro è iniziata martedì 3 giugno a Toronto, in Canada, per una due giorni in cui sono intervenuti numerosi giornalisti, wine writers e associazioni di sommelier.

Giovedì 5 giugno è stata la volta di New York, dove la carovana vinicola ha partecipato al Sagrantino Trivia Night, al Corkbuzz wine Studio, in una serata che ha visto protagonisti operatori e importatori newyorkesi.

Last but not least la California per il Sagrantino Umbria Essence. Prima a San Francisco, presso il ristorante italiano 54 Mint, poi a Los Angeles, presso il ristorante Terroni, sono andate in scena due wine-dinner itineranti a base di prodotti gastronomici umbri.

“Questo è il nostro terzo wine tour negli Stati Uniti come Consorzio insieme alle nostre cantine – conclude il Presidente del Consorzio Pambuffetti – L’affetto e il consenso raccolti ci hanno incoraggiato a proseguire con la valorizzazione dei prodotti di Montefalco all’estero. È fondamentale, sia per l’Umbria sia per l’area di Montefalco, promuovere oltreoceano l’eccellenza della nostra terra e dei nostri prodotti”.

Ben dieci le cantine del Consorzio presenti – Antonelli, Arnaldo Caprai, Colle Ciocco, Fattoria Colsanto, Le Cimate, Perticaia, Romanelli, Scacciadiavoli, Tenuta Bellafonte, Tenuta Castelbuono – che, per la gioia dei partecipanti ai tasting in programma, hanno offerto in degustazione le varietà tipiche del loro territorio. Oltre al Montefalco Sagrantino DOCG, al Montefalco Rosso DOC e al Montefalco Rosso Riserva DOC, gli enofili americani hanno potuto gustare il Montefalco Bianco DOC, il Grechetto, il Trebbiano Spoletino e il Sagrantino Passito DOCG.

_________________________________________________________________________________

Il Consorzio Tutela Vini Montefalco nasce, nel 1981, dalla volontà dei produttori di Montefalco di riunirsi in un Consorzio di Tutela che coordinasse le aziende della zona nella costante ricerca della qualità e nella valorizzazione dei vini del loro territorio. Nel 2001, per adeguamento alle normative, si è avuta una  “rifondazione”.

Il Consorzio ha il compito di garantire gli elevati standard di produzione, di guidare i produttori locali  in un costante miglioramento qualitativo e di promuovere, insieme a Montefalco Sagrantino DOCG  e Montefalco Rosso DOC, tutti i vini prodotti nel territorio. La base sociale si è, infatti, largamente ampliata godendo della presenza di aziende di grande prestigio, alcune storicamente sul territorio ed altre emergenti.

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento