Guerisoli: “Rafforzare il ruolo sociale dell'Istituto”

“Utilizzare in modo selettivo le risorse dell’Inail, vincolate presso il MEF (pari a 12,5 miliardi di ?), prevedendo di ampliare la tutela assicurativa nell’ambito delle M.P. e potenziando
misure già attualmente di competenza (almeno in via principale) dell’Inail, quali la differenziazione delle tariffe premi secondo un criterio di bonus-malus (cioè, in relazione
all’andamento degli infortuni e delle malattie professionali nell’impresa) ed il finanziamento dei programmi di adeguamento alla normativa sulla sicurezza da parte di imprese piccole e medie e
di quelle appartenenti ai settori agricolo e artigianale, nonché dei progetti per favorire l’informazione e la formazione (sempre in materia) da parte dei lavoratori”.

Queste le conclusioni cui è giunta la Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro per arginare in modo concreto il drammatico fenomeno degli incidenti
sul lavoro e delle morti bianche.
Partendo da questa considerazione, il presidente dell’Inail Giovanni Guerisoli, ha ricordato che il lavoro della Commissione è stato lungo e complesso, ma che alla fine è stata
identificata una strada ben precisa da percorrere.
In questo senso, secondo Guerisoli, è necessario potenziale il ruolo sociale dell’Istituto in modo da per innalzare il livello qualitativo e quantitativo della prevenzione in materia di
sicurezza: “Le problematiche sui temi della prevenzione, della cura, della riabilitazione e del reinserimento nel mercato del lavoro dell’infortunato richiedono interventi di carattere
normativo non più differibili”, ha ammonito Guerisoli, evidenziando il ruolo centrale che l’Istituto riveste in questo percorso.

Leggi Anche
Scrivi un commento