Emilia Romagna: Presentati i dati della ricerca “Vivere sotto le due torri”

Emilia Romagna: Presentati i dati della ricerca “Vivere sotto le due torri”

Bologna – Sono stati presentati nella sede di Unindustria i risultati della ricerca “Vivere sotto le Due Torri“, che è stata promossa dall’Azienda USL di Bologna, gestita
dalla Provincia di Bologna e realizzata grazie ad un’estesa partnership di soggetti pubblici e privati, tra cui: Ucodep, Iiple, Inail direzione regionale Emilia-Romagna Sede di Bologna, Inps,
Osservatorio per la prevenzione negli ambienti di lavoro presso Assindustria Bologna.

Tra i relatori presenti anche l’assessore provinciale Istruzione Formazione e Lavoro Paolo Rebaudengo. Obiettivo della ricerca era quello di disegnare un quadro aggiornato delle condizioni
sociali, lavorative e di salute dei lavoratori stranieri a Bologna e provincia.

Sono state realizzate 350 interviste ad altrettanti lavoratori stranieri, di 17 nazionalità, residenti in provincia di Bologna ed estratti casualmente dalle liste anagrafiche di 22 Comuni.
E’ la prima ricerca sociale quantitativa realizzata sul nostro territorio con un campione rappresentativo di questo tipo.

Dall’analisi emerge che il livello di istruzione del campione è piuttosto elevato: oltre l’80% degli intervistati ha studiato più di otto anni; il 46,9% ha un diploma
professionale o di scuola superiore e il 17,9% una laurea o un titolo post-laurea.

Per quanto riguarda la sicurezza solo 37,6% ha frequentato corsi di sicurezza sul lavoro durante l’orario di lavoro. Un intervistato su 3 gode di uno stato di salute molto buono e nessuno tra gli
intervistati si trova allo stato attuale in condizione di irregolarità. Il 48,4% degli intervistati possiede il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di
soggiorno) o la carta di soggiorno comunitaria.

Sul sito web dell’Ufficio Politiche dell’Immigrazione della Provincia di Bologna www.provincia.bologna.it/immigrazione è liberamente consultabile un report di sintesi.

Leggi Anche
Scrivi un commento