FREE REAL TIME DAILY NEWS

Educazione alimentare nelle scuole, il progetto gratuito di Melarossa

Educazione alimentare nelle scuole, il progetto gratuito di Melarossa

By Tiziana

La scuola come luogo perfetto per imparare a mangiare. Questo è l’obiettivo di Melarossa, il principale portale di alimentazione in Italia (conta oltre 3milioni di utenti) che lancia un progetto votato all’educazione alimentare per gli studenti delle scuole primarie e medie, che possono aderire senza alcun costo.

Un’iniziativa che coinvolge nutrizionisti, insegnanti e didattica ordinaria, per fornire una risposta pronta a una problematica esistente: l’alimentazione errata dei bambini nei periodi tra infanzia e adolescenza. Una catena che parte dai più piccoli e arriva fino ai genitori e ai nonni, perché non è mai troppo tardi per capire cosa significa “fare le scelte giuste a tavola”.

Il mangiar bene inteso come “scelta” e non “rinuncia”, dove la dieta mediterranea ci viene in aiuto sia per diktat nutrizionali che per gusto. Queste sono le basi da dove partire per imparare la giusta educazione alimentare. A dirlo sono gli esperti protagonisti del Progetto Scuola, i nutrizionisti che curano in prima persona lezioni, programmi e incontri. Si comincia con 1.000 alunni delle scuole primarie e medie, in tutta Italia, numero destinato a salire.

L’iniziativa lanciata da Melarossa è rivolta alle fasce d’età dai 6 ai 14 anni. Una fase molto delicata della vita, che richiede professionisti con esperienza e un linguaggio adeguato. Anche per tale motivo, la scuola è il luogo ideale per parlare di alimentazione. Le lezioni hanno il fine di istruire: far capire ai più piccoli che l’importanza di saper mangiare è indispensabile tanto quanto imparare a scrivere e a leggere.

Uno importante studio, condotto dall’Università di Buffalo in collaborazione con l’ateneo di Verona e pubblicato sulla rivista “Obesity”, conferma anche i timori di un trend negativo: il lockdown sta peggiorando lo stato di salute generale dei bambini. In media, nel 2020 (rispetto al 2019) i ragazzi costretti a rimanere a casa hanno consumato un pasto in più al giorno, trascorso addirittura 5 ore di tempo in più davanti a tv, smartphone e pc, e aumentato a dismisura il consumo di bevande zuccherate, carne rossa e il cosiddetto cibo spazzatura. E l’attività fisica? Ovviamente calata con una media di 2 ore a settimana. Dati allarmanti, che confermano una volta di più quanto sia importante capire che la salute passa anche e soprattutto da ciò che mangiamo.

Il “Progetto Scuola” di Melarossa sta coinvolgendo importanti nutrizionisti del Paese, a cominciare dal Prof. Luca Piretta, gastroenterologo e nutrizionista, membro del Consiglio direttivo della SISA (Società Italia di Scienza dell’Alimentazione) e insegnante all’Università Campus Biomedico di Roma, che ha supervisionato materiali e dispense per tutte le scuole aderenti.

Ma a spiegare a ragazze e ragazzi la piramide alimentare, i principi nutritivi, gli strumenti con i quali confrontarsi e, in generale, l’importanza di mangiare bene per vivere bene, sono i tanti nutrizionisti che hanno già dato adesione al progetto: Maria Cassano, Flavia Matacchiera, Lorenzo Traversetti, Jessica Dovicchi, Monica Nuzzo, Fabiola Benelli, Sofia Russo, Elena Caglioni.

Il tutto con un linguaggio chiaro, semplice e alla portata dei bambini, per imparare fin da piccoli quanto è importante fare le scelte giuste nella vita, così come a tavola.

Sei un insegnante e vuoi aderire al progetto? E’ completamente gratuito. Scrivere a progettoscuola@melarossa.it.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: