Cortina: Vini Docg- Difesa Identità e Riconoscimento Fascetta a “Cortina Incontra”

Cortina: Vini Docg- Difesa Identità e Riconoscimento Fascetta a “Cortina Incontra”

Cortina incontra,  10-29 agosto 2010: il nuovo slogan “Con gusto, ma con misura, bere solo di qualità” ha concluso la giornata.

Nell’ambito della kermesse politica-economica-culturale più seguita e più nota dell’estate vacanziera italiana, il viceministro alla salute Francesca Martini e Giampietro Comolli,
esperto di vini e di tutela dei vini, hanno partecipato ad una degustazione nazionale di vini Spumanti di fronte a un folto pubblico di appassionati , esperti e Vip ospiti del Miramonti Majestic
di Cortina d’Ampezzo.

E’ stata l’occasione per ribadire il successo raggiunto dai vini Spumanti italiani, ma soprattutto quanto sia importante per il consumatore saper riconoscere anche dalle etichette la
qualità e il valore di un vino, come di tutti i prodotti alimentari che portano una denominazione di origine territoriale.

Sono stati degustati Prosecco Docg ed altre bollicine sempre recanti la fascetta di riconoscimento della qualità. Brutta da vedere, stona con la eleganza delle etichette delle grandi
bottiglie di Spumante, ma è evidente e la fascetta rosa-arancione è la garanzia e la sicurezza dell’origine di quel vino.

La forza di un vino che piace, che appassiona, autenticamente italiano – ha detto al pubblico Giampietro Comolli – espressione ed identità di un territorio, come è il caso del
Prosecco Docg Conegliano Valdobbiadene con la Doc ampia come il Prosecco,  garantisce tutela e diffusione nel mondo del made in Italy, grazie al lavoro e all’impegno di viticoltori che hanno
creduto nel prodotto, nella qualità, nella ricerca e nella tecnologia.

L’ex Ministro Zaia in questo ha permesso di fare chiarezza. Infatti oltre 200 milioni di bottiglie di bollicine Made in italy, targate prosecco, avrebbero potuto essere imitate nel mondo a danno
di una economia agricola e imprenditoriale che vale al consumo fra Italia e Mondo circa 2 miliardi di Euro dell’allora ministro Luca Zaia oggi governatore del Veneto.

160 milioni di bottiglie complessivamente che portano la griffe ” prosecco” di cui il 95% prodotto in provincia di Treviso, la prima provincia italiana in produzione di bollicine spumeggianti
Docg e Doc in Italia.

Forte e chiaro il supporto e il pensiero del vice ministro della salute,  Francesca Martini, che – nel sottolineare i riferimenti tecnici di Comolli – ha confidato la sua passione per le
bollicine italiane, contro sicuramente altre bollicine, più blasonate ma sicuramente non superiori in qualità.  Ha sottolineato che la qualità è un fondamentale
punto di partenza per ogni impresa e per ogni successo, che il giusto rapporto valore/identità oggi è lo strumento base per il consumatore che può così riconoscere i
prodotti d’origine certa, di provenienza sicura, tutte caratteristiche di sicurezza alimentare oggi rintracciabili grazie alla fascetta di Stato che è visibile su tutte le bottiglie
Docg.

Ha ricordato anche che la fascetta rappresenta un costo aggiuntivo di sacrifici e di danaro per il produttore, ma che permette al consumatore di riconoscere facilmente sullo scaffale un prodotto
Docg,  da un altro generico  e certamente non prodotto nella zona classica o superiore, cioè la migliore.
Presenti Paolo Marchi di Identità Golose e Roberto Montanari docente di storia dell’alimentazione, è stato coniato lo  slogan “con gusto, ma con misura, bere solo di
qualità” 
 
 
(nella foto il viceministro Francesca Martini con Giampietro Comolli)
 
Newsfood.com
 
 

Leggi Anche
Scrivi un commento