Cooperazione: «la Finanziaria 2008 è perfettamente coerente con quella 2007»

«Dal punto di vista di Fedagri, di tutta la cooperazione agricola e, credo, di gran parte dell’agricoltura italiana la conclusione del mandato del Ministro De Castro è un brutto
colpo, in questi due anni abbiamo potuto avere conferma dell’efficacia del lavoro svolto dal Ministro, un lavoro che avrebbe avuto bisogno di un arco di tempo maggiore per produrre i suoi
effetti nel lungo periodo.

Se limitiamo la nostra osservazione solo a partire dalle leggi Finanziaria 2007 e 2008 e dalle leggi collegate nonché da altri atti normativi, possiamo constatare la bontà di una
gestione della politica agricola nazionale che aveva mostrato chiaramente di essere innovativa. La cooperazione può dichiararsi soddisfatta. Come in tutte le attività umane, si
può sempre dire che l’aspirazione al massimo è legittima ma talvolta gli obiettivi non sono tutti raggiungibili,
soprattutto nel breve periodo.

Oggi siamo chiamati ad una riflessione sui risultati della Finanziaria 2008 che valutiamo in perfetta coerenza con quelli ottenuti nella Finanziaria 2007 che proprio nel corso dell’anno ha
visto l’emanazione di diversi e importanti decreti applicativi della precedente Finanziaria. Le norme meritevoli di attenzione per la loro positività sono tante. Qui vogliamo solo
sottolineare quelle che più da vicino hanno un effetto diretto sull’impresa cooperativa.

Da ultimo una considerazione particolare: è all’esame delle Commissioni agricole di Camera e Senato per i necessari pareri la proposta del Governo in materia di regolazione dei mercati.
Il testo predisposto dal Mi.P.A.A.F. è un passo avanti verso la semplificazione del riconoscimento delle cooperative come OP (attraverso una sorta di autocertificazione). Ci auguriamo
che le Commissioni competenti e le Regioni esprimano il loro parere favorevole.
Sarebbe un ulteriore tassello, seppure in extremis, verso una modernizzazione del sistema agricolo e una valorizzazione del modello cooperativo.
A tal fine rivolgiamo un sentito ringraziamento al Ministro De Castro per aver mostrato, anche in questa occasione, una sensibilità nei confronti delle nostre istanze.

FINANZIARIA 2008
– proroga (che speriamo un giorno diventi definitiva) dell’IRAP all’1,9%;
– estensione alle cooperative forestali dell’aliquota IRAP agevolata per il settore agricolo;
– sostegni finanziari al settore bieticolo-saccarifero a seguito delle ristrutturazioni;
– nuova disciplina dei certificati verdi per la produzione della biomasse;
– fondo per le ricerche nel campo delle biotecnologie;
– finanziamento del Fondo per la montagna;
– ulteriori sostegni alle cooperative operanti nella multifunzionalità agroforestale;
– risoluzione del contenzioso cooperative/INPS nelle aree montane.

ATTUAZIONE LEGGE FINANZIARIA 2007 CON SPECIFICI DECRETI APPLICATIVI
– istituzione dei mercati per la vendita diretta (farmer Markets);
– disposizioni relativi al credito d’imposta per il Sud a valere sull’anno 2007;
– regolamentazione tassazione catastale per le società agricole;
– sblocco norme per l’internazionalizzazione delle imprese agricole ed agroalimentari (parere positivo da parte UE);

LEGGE COLLEGATA ALLA FINANZIARIA 2008 (L. n. 227/07)
– incremento stanziamenti Fondo solidarietà nazionale;
– finanziamento misure di accompagnamento nuova OCM ortofrutta;
– riconoscimento ruralità beni strumentali cooperative agricole ai fini dell’esenzione dal pagamento dell’ICI.

LEGGE WELFARE (L. 247/07)
– attuazione protocollo su previdenza, lavoro e competitività per il settore agricolo prevede:
a) riforma dei trattamenti di disoccupazione;
b) accesso alla Cassa integrazione straordinaria per il settore;
c) incentivi alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro;
d) sicurezza del lavoro;
e) finanziamento della formazione;
f) diminuzione costo del lavoro per i dipendenti a tempo determinato delle cooperative agricole (modifica aliquota contributi previdenziali)

Leggi Anche
Scrivi un commento