Brescia: Gelateria Possi, la prima e unica ”senza glutine”

Brescia: Gelateria Possi, la prima e unica ”senza glutine”

Miglior sito internet al mondo nel settore gelateria www.gelateriapossi.it (premio ottenuto alla Mostra Internazionale del Gelato Artigianale di
Longarone), certificata “Artista del gelato” dal Gruppo Illy Caffè (sono solo cento in tutta Italia), Gelateria
Possi
– attiva a Brescia fin dal 1975 – è la prima e unica certificata per celiaci a Brescia, grazie al percorso intrapreso al fianco
dell’Associazione Italiana Celiachia (A.I.C.).

La gelateria di Brescia, una piazza sensibile al gelato artigianale, conosce a fondo il malessere dei celiaci e seppur il gelato è un prodotto per
tutti – anche per chi soffre di intolleranza al glutine – può nascondere delle trappole insite nel suo processo di lavorazione. Inoltre, alcune aggiunte possono renderlo comunque a
rischio di contaminazione e, dunque, pericoloso a chi soffre di celiachia.

La celiachia è una condizione permanente di intolleranza al glutine, una sostanza proteica contenuta in alcuni cereali (frumento, orzo, segale e avena, ma anche farro, e kamut tra i
molti). La predisposizione a questa malattia è determinata geneticamente e la sua manifestazione è accompagnata da sintomi e segni di malassorbimento globale con problematiche del
tratto gastrointestinale.

Per chi si scopre celiaco non resta che cambiare dieta, eliminando il glutine e preferendo cibi come riso, mais, patate, legumi, frutta, verdura,
zucchero, miele, latte, burro, rinunciando ad alcune leccornie. Anche il gelato, per essere ingerito con tranquillità da chi soffre di celiachia, non deve contenere nemmeno una molecola
contaminata.

Gelateria Possi ha seguito un percorso con l’Associazione Italiana Celiachia (A.I.C.) – punto di riferimento in Italia per questa problematica alimentare
– fino ad ufficializzare il proprio gelato, ora inserito nel registro nazionale degli alimenti senza glutine. In questo registro compaiono gli unici prodotti autorizzati a poter utilizzare la
dicitura ”senza glutine”.

“Abbiamo dovuto fare un corso A.I.C. – sottolinea Paolo Possi, titolare della gelateria bresciana -e sostenere un esame finale: non è sufficiente non usare farine per dichiarare il
proprio gelato senza glutine, ma bisogna stare particolarmente attenti che le materie prime utilizzate non siano lavorate da macchinari venuti a contatto con farinacei. Una volta prodotto il
gelato senza glutine bisogna conservarlo senza contaminarlo, impedendone il contatto con eventuali briciole di coni con glutine. Per questo motivo è bandito il cono fatto con la spatola,
ma è obbligatorio il porzionatore, che viene lavato dopo ogni cono con acqua corrente”. Tutto il personale è stato addestrato e l’A.I.C. invia periodicamente ispettori che
accertano che la situazione sia costante nel corso del tempo.

Gelateria Possi potrà dunque offrire a chiunque un rinfrescante gelato, e lo farà nel suo rinnovato locale, grazie all’intervento dell’arch. Antonio Gardoni e della sua equipe. Il
restyling del punto vendita si ispira alla Riviera Adriatica, richiama la sensazione piacevole di svago e spensieratezza che si può avere in vacanza e, con molte luci e colori, regala
spunti legati sia al mondo del mare sia alla prossima stazione Metro di Brescia.

24 gusti, 45 diverse coppe gelato e uno staff di 20 persone fanno di Gelateria Possi (www.gelateriapossi.it) un punto di riferimento anche oltre i confini di Brescia.

Benessere, stile e gusto si uniscono da Possi, per un estate senza fine!

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento