Bambino: se mangia sano, si alza il QI

Bambino: se mangia sano, si alza il QI

Per il bambino, l’alimentazione fa la differenza fin dai primi anni di vita. Così, quelli che ricevono cibo sanno mostrano un QI più alto, mentre il cibo spazzatura riduce tale
punteggio.

E’ il messaggio di una ricerca dell’University of Adelaide, diretta dalla dottoressa Lisa Smithers.

Il lavoro si è basato sul controllo di 7.000 bambini: prima, ne è stata registrata la dieta a 6 mesi, 15 mesi e due anni. Dopodiché, ad 8 anni, è stato controllato
il loro QI.

Secondo la dottoressa, la dieta era determinante. Se essa era composta da latte materno e (dopo lo svezzamento) da frutta, verdura, legumi, formaggi e cereali, all’età di 8 anni i
piccoli volontari mostravano un QI superiore alla media. Se invece nei primi 2 anni di vita si puntava su junk food ( biscotti, cioccolato, bevande zuccherine, patatine) i bebè avevano
un QI inferiore alla media di due punti.

Per concludere, due parole sulle pappe pronte. Come spiega la capo-ricercatrice, queste “Avevano un impatto positivo sul QI se date a 24 mesi, ma non se erano consumate dal bambino a sei mesi”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento