Auguri Guinness: la birra scura compie 250 anni

Auguri Guinness: la birra scura compie 250 anni

Buon compleanno, Guinness.

La birra scura irlandese più famosa del mondo compie quest’anno 250 anni. Fu proprio nel 24 settembre del 1759 che il birraio irlandese Arthur Guinness, 34enne, iniziava la sua
produzione di birra nella distilleria di St. James Gate, a Dublino.

Guinnes, discendente di uno dei più antichi clan irlandesi, fu un imprenditore un innovatore ed un missionario seguace del metodista John Wesley e fondatore di scuole domenicali. Ma
più di tutto, fu in innovatore nel campo delle bevande alcoliche: il 1759 vede infatti il perfezionamento di un procedimento da tempo in cantiere e la nascita della Guinnes, che da quel
momento porterà il suo nome.

Da quel momento è un successo continuo: solo 10 anni dopo, la birra fa il suo sbarco in Inghilterra, ed oggi la Guinness è diventata un simbolo irlandese nell’immaginario
collettivo, come i folletti, i prati verdissimi ed il giorno di San Patrizio, di cui è una delle protagoniste immancabili.

A contribuire alla sua mistica anche, la particolare procedura necessaria per versarla: prima si riempie la pinta a tre quarti, e si lascia riposare, finché non si forma una linea bianca
di schiuma (chiamata ‘collare del vescovo’), dopo di che si può riempire il bicchiere fino alla sommità.

Specialmente nel mondo anglosassone, sono celebri anche le campagne pubblicitarie: tra le tante, famosa quella in voga durante la Seconda Guerra Mondiale.
Il manifesto raffigurava un bevitore che, durante un’ incursione aerea correva a salvare il suo bicchiere di birra scura, con la scritta (ormai arcinota) “My goodness, my Guinness”.

Se la birra è impeccabile, però, lo stesso non si può dire dei discendenti del primo birraio, coinvolti in tragedie e scandali. L’ultimo in ordine di tempo l’accusa a Clare
Irby, rampolla della famiglia, di aver fatto sesso in aereo con uno sconosciuto, accusa da cui è stata poi prosciolta.

Ma questi sono fatti marginali: quello che conta è che, in tutti i pub e le fabbriche della dinastia, si stiano preparando i festeggiamenti. Perciò, auguri Guinness

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento