Ticket sui farmaci: esentati i cittadini piemontesi con reddito familiare inferiore ai 36 mila euro

Piemonte, 12 Dicembre 2007 – Dal 1° gennaio 2008, tutti i piemontesi appartenenti a nuclei familiari il cui reddito complessivo sia inferiore ai 36151,68 euro, indipendentemente
dall’età, non pagheranno più il ticket sui farmaci, lo ha disposto la Giunta regionale, con l’adozione di una delibera che rappresenta un ulteriore passo in avanti verso la totale
abolizione della compartecipazione dei cittadini alla spesa farmaceutica, prevista entro i cinque anni di governo.

«Dopo l’eliminazione del ticket sui farmaci generici – ha dichiarato la presidente Mercedes Bresso – e il progressivo allargamento della fascia di esenzione a favore di anziani a basso
reddito, invalidi e altre categorie deboli, con questo provvedimento l’amministrazione regionale attua una nuova e significativa estensione della percentuale di piemontesi che non dovranno
più versare il contributo di due euro sui farmaci a carico del Servizio sanitario regionale, in vista della cancellazione totale del ticket. Era questo uno dei principali impegni assunti
dalla Giunta all’atto del suo insediamento, che stiamo riuscendo a rispettare anche grazie agli interventi messi in campo sul fronte dell’appropriatezza delle prescrizioni e quindi del
controllo della spesa farmaceutica convenzionata».

Ai fini dell’esenzione per motivi di reddito, per nucleo familiare deve intendersi quello rilevante ai fini fiscali (e non anagrafici), costituito dall’interessato, dal coniuge non legalmente
separato e dagli altri familiari a carico, cioè quelli non fiscalmente indipendenti, in quanto titolari di un reddito annuo inferiore a 2.840,51 euro.
Coloro che rientrano nella nuova fascia di esenzione e che vogliano usufruire di questo diritto dovranno dotarsi di attestato di esenzione, rilasciato dall’Asl di residenza sulla base di un’
autocertificazione.
Con l’entrata in vigore della delibera, i disoccupati in attesa di prima occupazione compresi negli elenchi anagrafici dei Centri per l’impiego, gli iscritti alle liste di mobilità e i
lavoratori in cassa integrazione straordinaria, per i quali una precedente delibera del marzo 2006 aveva predisposto l’esonero, confluiranno nella nuova fascia di esenzione per reddito e
dovranno quindi provvedere a munirsi di un nuovo certificato.
Rimarranno invece validi fino al giugno 2009 gli attestati rilasciati agli anziani ultrasessantacinquenni.

Leggi Anche
Scrivi un commento