Teramo: Riunione per discutere la messa in sicurezza dei fiumi, delle strade e degli edifici

Teramo: Riunione per discutere la messa in sicurezza dei fiumi, delle strade e degli edifici

Teramo – “Non possiamo evitare terremoti e alluvioni ma possiamo limitare e di molto i danni che causano alle persone e al territorio. Per questo la messa in sicurezza dei fiumi, delle
strade e degli edifici è una vera priorità, e abbiamo bisogno di individuare il percorso tecnico amministrativo e le modalità di finanziamento attraverso un Piano
straordinario, condiviso con gli altri enti competenti”.

Così ha esordito il presidente, Ernino D’Agostino, alla riunione che si è svolta nella sede di Via Capuani, e alla quale ha partecipato anche il vicepresidente Giulio Sottanelli.
Attorno al tavolo i tecnici dell’ente, quelli della Regione Abruzzo (della Direzione Territorio e bacini idrografici e Protezione Civile) dell’Istituto superiore per la Protezione e ricerca
ambientale, dell’Autorità di Bacino Interregionale; dell’Autorità di bacino del Tronto.

Da una parte fronteggiare l’emergenza, l’ultima pioggia ha causato quasi 12 milioni di euro di danni, dall’altra mettere a punto un Piano con un metodo condiviso e sulla base dei dati
già esistenti  per verificare le priorità e quantificare i finanziamenti necessari a medio e lungo periodo.

Dal confronto è emersa l’urgenza di interventi sui fiumi e in particolare sul reticolo “secondario”; sui versanti delle strade; sui ponti e naturalmente, anche se dovrà essere
oggetto di un’apposita riunione con altri interlocutori, la messa in sicurezza degli edifici pubblici a partire dalle scuole.

“Il Piano, secondo noi, deve servire a rendere la manutenzione continua del territorio – ha chiosato il Presidente – in questi ultimi anni abbiamo dovuto spendere cifre milionarie solo per
rimediare a danni che poi si ripresentano puntualmente ad ogni pioggia o nevicata eccezionale. Il Piano, inoltre, conterrà anche l’adeguamento antisismico degli edifici pubblici, scuole
in testa”.

Per la redazione del Piano saranno sentiti i Comuni affinchè possano indicare gli interventi da finanziare.

Leggi Anche
Scrivi un commento