Speranze di crescita per l’agricoltura subsahariana

Speranze di crescita per l’agricoltura subsahariana

Roma – Fa ben sperare per il futuro la crescita dell’agricoltura nell’Africa subsahariana, dove la popolazione crescerà dai 770 milioni di persone del 2005 a 1,5/2 miliardi di
persone nel 2050. Dopo decenni di declino, il settore agricolo nella regione, costituito per l’80% da piccoli contadini, è cresciuto di oltre il 3,5% nel 2008, ben al di sopra del tasso di
crescita della popolazione, pari al 2%. Lo afferma un nuovo rapporto della Fao.   

Lo sviluppo dell’agricoltura nell’Africa subsahariana, rileva l’organizzazione, è stato agevolato da un contesto politico più favorevole al settore in molti paesi e dalla crescita
dei prezzi mondiali dei generi alimentari primari come grano e riso. “Il forte potenziale di crescita mostrato dal settore agricolo nell’Africa subsahariana – ha dichiarato il Vice-Direttore
Generale della FAO Hafez Ghanem – è un’ottima notizia: l’agricoltura è essenziale per la riduzione della povertà e dell’insicurezza alimentare”.   

Secondo il rapporto – preparato per il Forum di Esperti di Alto Livello che si terrà a Roma il 12 e 13 ottobre per discutere le strategie su ‘Come Nutrire il Mondo nel 2050’ – l’uso
dell’irrigazione aumenterebbe notevolmente la produzione agricola (attualmente solo il 3% delle colture alimentari della regione è prodotto con tecniche irrigue, contro una percentuale
mondiale del 20%).

La Fao sottolinea che la terra è inoltre sfruttata al di sotto delle potenzialità: il potenziale di terre aggiuntive disponibili ammonta ad oltre 700 milioni di ettari. Per
migliorare ulteriormente l’agricoltura, conclude il rapporto, andranno però affrontati una serie di problemi, come le carenze istituzionali e di governance in alcuni paesi, conflitti e
malattie quali l’HIV/AIDS, le difficoltà di accesso ai mercati per i piccoli contadini, la necessità di creare opportunità d’impiego nelle aree rurali e di fornire
un’adeguata formazione ai più giovani.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento