Sindrome premestruale: un mix di acidi grassi riduce il dolore

Sindrome premestruale: un mix di acidi grassi riduce il dolore

Le donne vittime della sindrome premestruale (Pms) possono trarre giovamento da una pillola composta fa vari acidi grassi, abile a ridurre l’effetto dei sintomi, in primis il dolore.

E’ quanto emerge da una ricerca dell’Università Federale di Pernambuco (Brasile), diretta dal dottor Edilberto Rocha Filho e pubblicata su “Reproductive Health”.

Contro la malattia, gli studiosi hanno ideato una pillola composta da acido gamma linoleico, acido oleico, acido linoleico, altri acidi grassi polinsaturi e vitamina E. Il farmaco è
stato messo alla prova su 120 donne, tutte affette da sindrome premestruale, divise in due gruppi. Il primo gruppo   ha  assunto le capsule (2 grammi) in questione, il secondo un
placebo. La divisione è stata fatta in doppio ceco randomizzato ed il test è durato alcuni mesi.

Come spiegano gli scienziati, già dopo 3 mesi gli acidi grassi hanno iniziato ad avere effetti positivi, senza modificare i livelli di colesterolo. Più in generale, la pillola ha
ridotto notevolmente i sintomi, fino a 6 mesi dalla somministrazione, senza gravi effetti collaterali. Tali vantaggi non sono stati registrati nelle donne che avevano assunto la
pillola-placebo.

Perciò, gli esperti brasiliani concludono come “L’effetto negativo della Pms nelle attività di routine di una donna può essere significativo: questa pillola sembra essere
un trattamento promettente”.

FONTE: Edilberto A Rocha Filho, Jose C Lima, Joao S Pinho Neto, Ulisses Montarroyos, “Essential fatty acids for premenstrual syndrome and their effect on
prolactin and total cholesterol levels: a randomized, double blind, placebo-controlled study” Reproductive Health 2011, 8:2 (17 January 2011), doi:10.1186/1742-4755-8-2

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento